A+ A A-
 

Influenze piuttosto chiare verso i grandi Maiden che escono senza timidezza alcuna durante l'ascolto del secondo disco degli Unchained Horizon Influenze piuttosto chiare verso i grandi Maiden che escono senza timidezza alcuna durante l'ascolto del secondo disco degli Unchained Horizon

Influenze piuttosto chiare verso i grandi Maiden che escono senza timidezza alcuna durante l'ascolto del secondo disco degli Unchained Horizon

recensioni

titolo
Fallen Kingdom
etichetta
Pure Steel Records
Anno

TRACKLIST:
1. Warriors Speech
2. Stranger =ASCOLTA=
3. Beneath the Ice
4. Lost Words
5. The Marksman
6. Through the Storm
7. Fallen Kingdom
8. The Beast Within =VIDEO=
9. Bridge to Nowhere

LINE UP:
Sascha Heese – voce, chitarre
Andreas Bauer – basso, cori
André Hanzen - chitarre
Christian Kriesch – chitarre
Arne Meinerts – batteria

opinioni autore

 
Influenze piuttosto chiare verso i grandi Maiden che escono senza timidezza alcuna durante l'ascolto del secondo disco degli Unchained Horizon 2022-11-22 10:08:30 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    22 Novembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sotto le ali dell'attenta Pure Steel Records arrivano alla pubblicazione del loro secondo disco in studio i tedeschi Unchained Horizon. Influenze piuttosto chiare verso i grandi Maiden che escono senza timidezza alcuna durante l'ascolto, in particolare in alcuni momenti del disco come in “Beneath the Ice”, in cui le chitarre corrono rapide disegnando armonie ben supportate dal cantato non certo eccelso, ma certamente positivo di Sascha Heese (più alla Blaze Bayley che alla Dickinson per intenderci). Il quintetto teutonico punta su coretti coinvolgenti ed atmosfere epiche con l'uso di arpeggi che fanno in modo che il pathos cresca durante l'ascolto. Lo dimostra la strumentale “Lost Words” nei suoi tre minuti di durata e poco dopo con il possente incedere di “The Marksman”, in cui è il basso suonato da Andreas Bauer a condurre i tempi di un pezzo circondato da atmosfere oscure che mostra i muscoli grazie a riff profondi. Tra i momenti migliori non possiamo che menzionare la più articolata "Beast Within" che dopo un arpeggio parte con ritmi sostenuti ed un bel lavoro con le chitarre che si intrecciano accompagnando il bel refrain. Meno bene nel finale la conclusiva "Bridge To Nowhere", con passaggi che copiano fin troppo spudoratamente la magnifica "Hallowed be thy Name" di Harris e soci.
Ci sono dei passaggi interessanti all'interno di questo disco, ma la sensazione generale è che gli Unchained Horizon abbiano molte più potenzialità di quelle che attualmente riescono a mettere in musica, ma che speriamo possano mettere in risalto nel prossimo futuro.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Dalla Scozia il buonissimo Death Metal della one man band Mycelium
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Amon Amarth: un nuovo album sufficiente per dar vita ad un altro tour sfavillante
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
U.D.O.: i colossi del metallo teutonico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Whirlwind, una perla ispirata ai Running Wild
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una bomba di Power Metal chiamata Induction
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leather, un gran bel disco per la singer californiana
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Conor Brouwer’s Call of Eternity, una nuova metal opera dall'Olanda
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra interessante realta caraibica: gli Omnifariam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Ancestry: Black Metal vecchio stampo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Neptune, direttamente dagli anni '80
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Whiteabbey: un'altra splendente gemma nascosta nell'underground
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wildfire: new Classic Metal sensation
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla