A+ A A-

Opinione scritta da Piero Pizzorni

22 risultati - visualizzati 21 - 22 1 2 3
 
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Piero Pizzorni    13 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -  

In soli trentatre minuti, i Gorguts 2.0, esprimono tutto il loro talento, fornendo una prestazione maiuscola, da attribuire, al nuovo modo di concepire il death metal.
Sì, death metal, forte di contaminazioni progressive e atmosfere soffocate, corrosive.
L’eclettico Luc Lemay, voce/chitarra e membro storico, dopo aver cambiato volto alla band, assumendo tra le proprie fila nuovi elementi, decide che è
il momento di dare una svolta, anche, musicalmente parlando, ed ecco nascere i Gorguts di nuova generazione.
Nel recente passato, attraverso il precedente “Colored Sands”, già ci avevano abituato a tali sonorità, ma, solo con questo nuovo full lenght, si sono spinti, in maniera netta e decisa, confermando un amore non troppo nascosto per il metal, ma al tempo stesso per il post/hardcore.
Certamente, si parla ancora di una band death metal, che ha scritto pagine importanti in passato, tuttavia, temo che questa nuova versione sia quella più convincente, anche perché, i nostri canadesi, con naturalezza si muovono, tra i generi, senza mai apparire ostentati.
Repentini cambi di tempo, intermezzi ambient, fanno di questo “Pleiades’ Dust”, un album riuscito, l’obiettivo è stato centrato, la nuova pelle dei veterani Gorguts mi convince.
Cos’aggiungere? Sei alla ricerca di: innovazione, tecnicismi, intelligenza, o sei semplicemente un fan della nuova incarnazione della band, cosa stai aspettando, affrettati a comprare questo disco, non farlo tuo, è un errore imperdonabile.





Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Piero Pizzorni    07 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -  

Il nuovo album degli Aleph, intitolato “Thanatos”, è una piacevole sorpresa.
Si tratta di veterani o quasi, tutto vero, ma, quello che è venuto fuori questa volta è davvero notevole.
La band nostrana è protagonista di una prova convincente, sotto ogni punto di vista, siamo di fronte a una formazione in stato di grazia, non manca nulla: tecnica, esecuzione, arrangiamenti, così come la produzione, in linea con i temi di oggi, ma, al tempo stesso, acustica e riconoscibile.
E’ difficile collocare gli Aleph, si potrebbe parlare, comunemente di Death Metal, ma qui c’è ben altro, ci sono richiami agli anni settanta, al Doom, al cinema Horror, a partire, da quella cover, color sangue, dove il demone, sciorina lezioni di malvagità.
“Thanatos” mi ha convinto, pienamente, non ci sono cali, o brani deboli, complice un certosino lavoro, sia nella stesura delle canzoni, che negli arrangiamenti in sede studio.
Avere una forte identità, può significare, andare controtendenza, nonostante tutto, sul lungo, è certamente più appagante e questo gli Aleph lo sanno bene. Questa è una band che fa dell’originalità, il vero punto di forza, la ricerca delle sonorità, spaziando nell’universo dei colori che offre la musica, grazie anche a musicisti preparati.
I terribili ragazzi, riescono a trasmettere emozioni, attraverso riffs di stampo Old School e un lavoro impeccabile della sezione ritmica, con una doppia cassa in evidenza, e una voce, versatile, che si divide tra stilemi tipicamente Death Metal e parti meditative.
Insomma, come avrete capito, non potete farvi mancare questo disco, sono sempre più convinto, non puntare sulle band di casa nostra è folle, dietro l’angolo abbiamo formazioni che non hanno nulla da invidiare ai colossi d’oltreoceano.

Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
22 risultati - visualizzati 21 - 22 1 2 3
Powered by JReviews

releases

Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo album di Ace Frehley non soddisfa a pieno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Amaranthe raggiungono l’apice della loro essenza con “The Catalyst”
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla