A+ A A-

Opinione scritta da Luigi Macera Mascitelli

430 risultati - visualizzati 1 - 10 « 1 2 3 4 5 6 ... 7 43 »
 
releases
 
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    04 Ottobre, 2022
Ultimo aggiornamento: 04 Ottobre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Sexmag: un nome che più sconosciuto non si può. Trattasi di una band appartenente al sottobosco più underground del panorama Death/Thrash polacco, con all'attivo un solo EP, "Sex Metal", del quale vi parleremo. In realtà non c'è molto da dire in merito, trattandosi di un lavoro che sprizza vecchia scuola da ogni particolare, a cominciare dalla copertina che sembra fuoriuscita da una locandina di qualche film inedito di Dario Argento. Comunque sia i Nostri propongono un Death/Thrash Metal figlio di gente come Exodus, Sepultura, Slayer, Sarcofago, Possessed e compagnia bella. Insomma, avete capito perfettamente le coordinate stilistiche entro cui inquadrare i Sexmag. Ora, per non tirarla troppo per le lunghe, sono fondamentalmente due i punti che non ci hanno convinto: la pessima voce e un songwriting piuttosto basico e scontato. Veniamo al primo punto su cui in realtà non c'è molto da dire: la prestazione canora è a dir poco imbarazzante. Il vocalist è sfiatato e tenta miseramente di imitare lo stile canoro del compianto Paul Baloff degli Exodus con risultati più che scarsi. Per quanto riguarda il secondo punto c'è da dire che di base le idee sono anche buone, e tutto sommato il dischetto fila liscio. Tuttavia ogni traccia, per quanto feroce e spaccaossa possa essere, è decisamente troppo scontata: laddove ti aspetti arrivi un determinato passaggio ecco che arriva. Volendo sorvolare questo punto e cercando di apprezzare anche il valore old school dato dalla produzione low-fi da anni '80, i Sexmag si presentano con una certa verve che sicuramente si riflette nel loro EP. Ma con una voce del genere, dispiace dirlo, non andranno da nessuna parte.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    04 Ottobre, 2022
Ultimo aggiornamento: 04 Ottobre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Debutto assoluto per il duo norvegese Phantom Fire con questo "The Bust of Beelzebub", licenziato da Edged Circle Productions. Black/Speed Metal feroce ed old school come se piovesse: questa la proposta dei Nostri, che, al netto di quelle che sono le coordinate stilistiche che tutti conosciamo, riesce comunque a fare la sua buona figura. Qualità che sicuramente è merito dei singoli componenti della band, già navigati e perfettamente inseriti nella scena Black norvegese -Eld è il bassista dei Gaahls Wyrd, per dire-.
Comunque sia, i Phantom Fire si muovono all'interno di territori ampiamente conosciuti che fanno capo a gente come Darkthrone, Venom, Midnight e quella costante Black'n'Roll tipica dei Taake. Insomma, potremmo dire che i Nostri abbiano riportato sotto una luce molto più oscura e maligna il retaggio dell'Heavy Metal Motorheadiano. Eppure, proprio quando sembra che il disco sia perfettamente avviato verso il suo punto focale ecco arrivare la traccia "Pihsrow" a ribaltare completamente la situazione. Da qui in poi il duo inizia a strizzare l'occhio alle sonorità horror degli anni '80-'90 con campionamenti e sintetizzatori. Ecco dunque che il disco prende una piega molto più Doom e psichedelica, quasi ipnotica, salvo poi ritornare verso la Norvegia più feroce e caciarona con "Feed On Fire", che con il suo sentore catchy è perfetta da sparare in macchina a tutto volume; qui siamo proprio in territorio Heavy Metal britannico senza se e senza ma. Insomma, se sulla carta siamo di fronte ad un album per certi aspetti originale nella proposta, lo stesso non può dirsi sul versante della personalità: più volte infatti si ravvisa un andamento fin troppo standard e preconfezionato; da un lato i pattern funzionano, ma dall'altro si scade inevitabilmente nella mediocrità in questo costante saliscendi. Quindi, se siete proprio fan del genere allora il duo di Bergen potrebbe regalarvi una gustosa mezz'ora di buon Black Metal, altrimenti potete passare avanti senza troppe ferite.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    03 Ottobre, 2022
Ultimo aggiornamento: 03 Ottobre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Il Black Metal è probabilmente - gusti personali a parte - il genere che più di tutti riesce a penetrare in profondità nell'animo umano e a portare a galla sentimenti, emozioni e stati d'animo molto spesso ritenuti perfino innaturali. Soprattutto i filoni più moderni del genere, in particolare Post-Black e Blackgaze, si concentrano maggiormente sulla potenza evocativa della musica combinando la cruda ferocia del genere con una disperata quanto languida e triste melodia. Questo ossimoro apparentemente insolubile è invece fonte di tanta, tantissima pelle d'oca, poiché diventa persino indescrivibile il ventaglio di sensazioni che si riescono a provare. Ecco, gli austriaci Ellende, one man band creata dal mastermind L.G. undici anni fa, riescono perfettamente in questo intento proponendoci una musica che negli anni è diventata sempre più riconoscibile e stratificata tanto che, ad oggi, assieme ai loro connazionali Harakiri For The Sky possono essere considerati tra le più importanti realtà del Post-Black Metal. A testimonianza di quanto affermato subentra "Ellenbogengesellschaft", quarta meravigliosa opera firmata Lukas Gosch e probabilmente la più bella, stratificata ed emotivamente potente di tutta la sua carriera. Mai ci saremmo potuti aspettare un qualità di questa portata, considerando anche lo strepitoso lavoro svolto con i capitoli precedenti. Eppure il buon L.G. è riuscito nell'intento di regalarci un viaggio ultraterreno nel quale la tristezza, la gioia, l'amore, l'odio, la disperazione e la spensieratezza si uniscono in un solo piano esistenziale senza che ogni singola componente si possa riconoscere. "Ellenbogengesellschaft" è esattamente quel tipo di album che metti in cuffia al buio o quando passeggi nei boschi e vuoi isolarti completamente dove nessuno può vedere le lacrime uscirti dagli occhi. Non è un caso, tra l'altro, che nel brano "Ruhelos" sia presente proprio il vocalist degli Harakiri For The Sky, come a voler testimoniare che le due realtà siano imprescindibili nel bagaglio culturale di chi ama questo genere. Andando più in profondità in questi 50 minuti di ascolto, possiamo notare come la musica degli Ellende tenda ad avere sempre quella vena più morbida e meno spigolosa; lavoro reso possibile dalla costante presenza del pianoforte e delle tastiere che alleggeriscono la sferzata morente delle chitarre. Di contro queste ultime ci offrono uno spettro compositivo notevole: dall'incanto degli arpeggi alla teatralità dei riff più dal sapore Black fino alle struggenti melodie in acustico... Una potenza evocativa che raramente la s'incontra in un disco, soprattutto se è sempre costante quel sapore Progressive che dà all'ascolto il suo fascino ipnotico ed imprevedibile, come se da un momento all'altro ti aspetti un determinato passaggio, ma poi ne giunge un altro. Ecco, giocando su questo mood altalenante L.G. è riuscito ad imbastire un'opera d'arte di una bellezza indescrivibile nel quale la struggente tristezza di sottofondo fa da contraltare ad un'eleganza e teatralità quasi regali. Eppure ciò che resta alla fine è l'angoscia d'aver concluso il viaggio, colmi di lacrime e con la voglia di ripeterlo ancora e ancora in un loop infinito nel quale poter scorgere le infinite sfaccettature che gli Ellende hanno da offrirci. E forse è questa la capacità più grande che va riconosciuta alla band: l'estrema eterogeneità che, tuttavia, punta sempre e comunque verso un'unica direzione, come un veliero distrutto che continua incessante verso la sua rotta...la bellezza del nulla. Complimenti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    03 Ottobre, 2022
Ultimo aggiornamento: 03 Ottobre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Atmosfere tetre, freddo glaciale, voce mortifera ed eterea come un'eco lontana... la morte come qualcosa di tangibile e non ultraterreno. Temi che, presi in assoluto all'interno di un disco potrebbero tranquillamente non suscitare chissà quale clamore; soprattutto se si parla di Black Metal. Tuttavia non è tanto il cosa, quanto il come queste tematiche vengano proposte a fare la differenza tra un lavoro mediocre o nella media ed un capolavoro. Ecco, oggi siamo - fortunatamente - in quel rarissimo secondo caso con il qui presente "Lagu": quarto album dei francesi Caïnan Dawn che, senza giri di parole, sono tra le migliori band a proporre un certo tipo di Black Metal. Degni eredi del collega d'Oltralpe Esoctrilihum, i Nostri portano in musica qualcosa di estremamente sfuggente: un mix di sperimentazioni, sferzate Avant-garde e sfuriate Raw sorrette da una maligna quanto ben percepibile atmosfera di sottofondo che eleva il tutto su di un altro piano esistenziale. Forse l'unico aggettivo per descrivere "Lagu" è "ipnotico"; a cominciare dalla copertina che ritrae un vasto oceano al crepuscolo, come a voler dare all'ascoltatore un'idea già visiva di quanto andrà ad ascoltare: la pura contemplazione della morte nella sua forma più concreta e tangibile. Non si tratta, dunque, di un semplice viaggio astrale verso dimensioni lovecraftiane dove il terrore ed il male inghiottono ogni cosa. O meglio, non è solo questo. Nove tracce complesse, stratificate, maligne come delle litanie dimenticate nelle quali l'arte, la follia, l'eleganza e la morte danzano all'unisono portando lo spettatore in una sorta di trance uditivo dal quale si esce cambiati; forse più consapevoli della caducità della vita. A generare questo mortale flusso velenoso contribuisce un songwriting che sa essere scarno negli intenti ma estremamente stratificato nella sua esecuzione: ad un primo ascolto la musica dei Caïnan Dawn è fredda, resa tale dalle chitarre mortifere ed estremamente pungenti. Ma andando avanti ci si rende conto come questa sia solo la punta dell'iceberg. Minuto dopo minuto il comparto strumentale si apre mostrando costanti cambi di mood: arpeggi, tremolo, parti cadenzate... il tutto, ripetiamo, poggiante su uno spesso strato di nebbia morente dato dalle atmosfere e melodie di sottofondo che danno ai riff la nota spettrale ed elegante che rende "Lagu" il capolavoro che è; sicuramente superiore al già praticamente perfetto "F.O.H.A.T." del 2017. Questo, in definitiva, è uno di quei casi in cui è veramente impossibile riuscire a darvi un'idea di siffatta opera con le parole, semplicemente perché ogni orpello fisico sembra sgretolarsi di fronte alla bellezza del nulla che questo disco porta alla luce. Esattamente come Caronte porta Dante negli abissi più profondi dell'inferno, allo stesso modo i Caïnan Dawn con la loro spettrale bellezza trascinano per quasi un'ora di tortura e morte l'ascoltatore.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    29 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Giunge al suo sesto album con "Earth Penetration" la one man band finlandese Hail Conjurer, side project di Harri Kuokkanen, già vocalist degli Hooded Menace. Un disco, questo, che si configura come un'opera alquanto originale e sui generis. Se vi aspettavate il classico Black Metal finnico o comunque un genere tutto sommato riconoscibile entro certe coordinate, allora siete proprio fuori strada. Quella che andrete ad ascoltare una volta premuto il tasto "play" è una vera e propria tortura mentale: un mix allucinogeno e mortifero di Black Metal, Noise, Ambient, Doom Metal, urla, litanie... il tutto volutamente registrato in maniera scarna e scheletrica per dare maggior risalto alle chitarre zanzarose e al senso di smarrimento e morte che si respira per 35 minuti circa. Insomma, quella messa in musica da Mr. Kuokkanen è una blasfema orgia in cui lo sporco e il marcio si mischiano alla malattia mentale, riuscendo così a darci in pasto un disco che è Black Metal nelle intenzioni ma Doom - in senso lato ovviamente - nell'esecuzione. Potreste scorgere elementi degli ultimi Darkthrone, così come la vena Raw dei colleghi di casa Behexen o quel frangente dal sapore sperimentale dei Ride for Revenge; o, infine, quel tocco liturgico tipico dei Batushka e la vena Ambient degli ultimi lavori di Burzum. In ogni caso è evidente come il lavoro svolto solo in apparenza risulta caotico e senza senso; tuttavia riconosciamo come Hail Conjurer sia un ascolto tutt'altro che facile, dove la perdita del focus è sempre dietro l'angolo se non ci si concede quella mezz'ora di tranquillità per poter apprezzare ogni elemento dell'album. Da qui, dunque ne traiamo la conclusione che questo "Earth Penetration" sia un'opera veramente complessa e, spesso, così eterogenea da risultare quasi riduttivo inquadrarla in un filone musicale ben preciso. Quindi di certo non si tratta di un lavoro universalmente fruibile, ma qualcosa che si rivolge ad un pubblico piuttosto esigente o mentalmente aperto. A parte le tastiere mortifere, il senso claustrofobico e la malatissima voce dell'artista finlandese, non troverete altri punti di riferimento qui, se non l'angoscia di una lenta tortura che spegne ogni singolo barlume di vita.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    23 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Che i Venom Inc. fossero diventati nettamente superiori agli storici Venom del mastermind Cronos lo si era già intuito nel 2017. Proprio in quell'anno la band capitanata da Tony "Demolition Man" Dolan pubblicò il primo disco "Avé": un concentrato adrenalinico di purissimo Black/Heavy/Speed Metal old school suonato con una classe senza eguali. A confermare la questione, poi, fu proprio il disco uscito l'anno dopo dei Venom originali che risultò nettamente inferiore e molto più "caciarone": segno che molto probabilmente Cronos e soci si siano fin troppo adagiati su quello che, a buon diritto, è il sound da loro inventato ma che a conti fatti oggi non ha più presa; almeno non come quarant'anni fa. Insomma, quella che veniva considerata solo una costola degli originali Venom senza arte né parte alla fine si è rivelata essere una realtà tutt'altro che copia/incolla di quella originale e con un'identità tutta sua. Oggi, dunque, siamo qui per presentare questo magnifico "There's Only Black", secondo satanico sigillo che segna il ritorno dopo cinque anni del trio inglese sotto la sempre granitica egida di Nuclear Blast Records. Senza troppi giri di parole ci troviamo di fronte ad un vero e proprio capolavoro che trasuda old school da tutti i pori, MA con un approccio estremamente moderno e curato, tanto da risultare ferocissimo come una volta ma super godibile e scorrevole. Insomma, è ormai consolidato, sicuro, cristallino e inoppugnabile come Demolition Man e soci siano una band che ha saputo mantenere fede alle proprie origini, ma allo stesso tempo ha sviluppato una linea tutta sua. Il processo, infine, ha portato alla luce questo secondo fenomenale disco, che definire adrenalinico e feroce sarebbe perfino riduttivo. Innanzitutto la novità più importante è l'abbandono del leggendario Abaddon sostituito dal nuovo batterista War Machine che, diciamolo subito, non ha sfigurato minimamente in questa sua prima prova dietro le pelli. A seguire, poi, il micidiale Mantas, colui che scrisse il leggendario riff di "Black Metal", con tutte le conseguenze che seguirono dopo quel fatidico 1982. Un chitarrista che si è rivelato a dir poco sbalorditivo e soprattutto affatto relegato ad un copia/incolla dei suoi vecchi fasti. Al contrario: la sua ascia nei Venom Inc. si è evoluta enormemente abbracciando il classicissimo approccio Motorhead, Venom e Sodom e soluzioni molto più moderne che non disdegnano pennellate melodiche, arpeggi e assoli ben strutturati. Che si tratti della micidiale opener "How Many Can Die" o alla simil ballad "Burn Liar Burn", Mr. Mantas ha saputo imprimere in questo disco tutto il suo ventaglio di conoscenze in un modo a dir poco notevole. Tradotto: non siamo di fronte a qualcosa di scontato che ti aspetteresti da una band di questo calibro. Al contrario "There's Only Black" è un lavoro molto più complesso e stratificato di quanto si possa pensare e non un semplice specchietto rivolto agli anni '80. A coronare il tutto, infine, il mitico e cattivissimo Demolition Man al basso e alla voce, il vero sigillo infernale dei Venom Inc. con le sue corde vocali forgiate nel metallo più nero. Una performance canora che riconosceresti tra un milione che deve tutto al compianto Lemmy per lo stile così scabroso ma al contempo intonato.
Potremmo stare qui ancora a tessere le lodi dei Venom Inc. ma ci limitiamo a far notare come anche un disco molto più "classico" sarebbe comunque stato eccezionale. Eppure i Nostri non si sono accontentati preferendo invece saltare oltre l'ostacolo e proporci qualcosa di nettamente superiore alle già più rosee aspettative che avevamo. Quindi, che siate fan die hard della vecchia scuola o delle nuovissime leve alle prime armi con l'Heavy Metal, questo secondo album del trio inglese DEVE assolutamente far parte del vostro bagaglio culturale. Complimenti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    21 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 21 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Iniziamo e chiudiamo la recensione con una domanda: ma il senso di questo EP quale sarebbe? Ora, per dovere è nostro compito fornire qualche spiegazione in più, perciò vediamo il perché di questa domanda. Oggi parleremo di una nostra vecchia conoscenza, la one man band inglese Foul Body Autopsy, progetto nato dalla mente del mastermind Tom Reynolds e dedito, inizialmente, ad un Thrash Metal tinteggiato di Melodic Death e Death piuttosto interessante e ispirato al maestro dell'horror George A. Romero. Almeno così è stato fino al 2018, anno del secondo e - per ora - ultimo disco. Dopo tre anni l'artista torna con un EP, questo "Shadows Without Light - Part One" - più la seconda parte nel 2022, dato che il lavoro in questione è del 2021; scusate il ritardo - che ci presenta la band sotto tutt'altra luce: Melodic Death nella sua forma più pura totalmente imbevuta di Soilwork, Dark Tranquillity e Insomnium. Un trittico che si riflette nell'unica traccia presente che si rivela essere davvero interessante e ricca di elementi. Allora perché la domanda iniziale? Semplice: le altre due tracce sono dei remix terribili della prima e basta. Quindi, siamo di fronte ad un EP che in realtà è un singolo brano; da qui la domanda: ma il senso quale sarebbe, dato che anche la seconda parte del disco segue lo stesso schema?

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    15 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Potremmo tranquillamente definire questo "Netherheaven", ottavo sigillo degli statunitensi Revocation, come il punto di svolta o il salto di qualità tanto agognato per la band di Boston. Basti pensare al fatto che si tratta del primo disco ad uscire a quattro anni di distanza dal precedente, anziché dopo i canonici due (a volte anche uno) a cui ci hanno abituato. Segno che per David Davidson era forse arrivato il momento di sedersi a tavolino e rivedere completamente la proposta partendo proprio dalle basi. Perché se da un lato è sempre stato evidente l'enorme comparto tecnico dimostrato, dall'altra parte non si poteva dire lo stesso per l'originalità, troppo spesso relegata ad un manierismo da 6 politico e nulla di più. Bene, dimenticate tutto questo, perché "Netherheaven" è semplicemente un discone dall'inizio alla fine, completamente rinnovato nel sound, nello stile e nel songwriting: finalmente il primo capitolo per il trio americano degno del nome Revocation, destinato a dare alla band il credito che realmente merita.
Innanzitutto preme far notare come la componente Thrash Metal sia del tutto scomparsa; o meglio, intelligentemente assorbita all'interno di uno spettro più ampio. Il sound è molto più oscuro, costantemente pennellato da sferzate melodiche riconducibili ai Sylosis o agli Arsis, ma sempre e comunque orientato a fornirci l'immagine più cruda e feroce della band, che questa volta non si è imposta nemmeno un freno inibitore. Delle nove tracce presenti non ce n'è nemmeno una che sfiguri: il viaggio che si intraprende è un costante saliscendi tra gli inferi, con le chitarre che riecheggiano, di tanto in tanto, di qualche richiamo Black, soprattutto nelle sezioni in tremolo picking ("Galleries Of Morbid Artistry" ne è l'esempio migliore). E tuttavia, ascolto dopo ascolto, risulta impossibile riuscire a definire tutte le influenze che permeano i (nuovi) Revocation: dalle basi Thrash un po' old school fino al Prog, al Death, al Black... con precisione chirurgica i Nostri hanno tirato fuori dal cilindro un lotto di brani ricchissimi di materiale ma mai stantii o fini a sé stessi: la ritmica è spaziale e perfettamente in grado di dare ad ogni riff la sua giusta quadra; le chitarre si intrecciano costantemente oppure si serrano in una sfuriata tipicamente dal sapore Death Metal. La voce scabrosa di Davidson, il mastermind del trio americano, è la ciliegina sulla torta: mai troppo sporco, mai troppo gentile. Insomma, una costruzione certosina e precisa, frutto di un lavoro che ha visto i Nostri distruggere dalle fondamenta il loro sound e ricomporlo con quegli elementi sempre toccati ma mai veramente trattati nei capitoli precedenti. Il risultato è questo "Netherheaven": un disco nel quale si potranno trovare tranquillamente influenze di Obscura, Arsis, Cannibal Corpse, Death, Cynic, Sylosis e via dicendo. E MAI troverete un punto poco chiaro, né, tantomeno, una perdita di rotta: i Revocation hanno preso una mole enorme di materiale e l'hanno usata tutta con intelligenza imbastendo un'opera perfetta e con un focus forse mai stato più chiaro di così. Quindi, non vi resta che premere "Play" e tuffarvi nel primo vero grande lavoro targato Revocation. Complimenti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    15 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Ci scusiamo enormemente per il ritardo con cui esce questa recensione, perciò speriamo che con le nostre parole riusciremo a farci perdonare. Anche perché, sinceramente parlando, sarebbe pressoché impossibile trovare un difetto in questa band, gli Swelling Repulsion, e nel disco di debutto qui in esame, "The Severed Path". Dell'act statunitense si sa poco trattandosi di una realtà giovanissima nata solamente nel 2016 e che dopo cinque anni si presenta al grande pubblico con questo mastodontico biglietto da visita. I Nostri sono solamente in due, ma la loro musica dà tutt'altra impressione trattandosi di un lotto di nove tracce una più interessante dell'altra. Quello che Dono e Bage ci presentano è una summa, se così si può dire, tra il Melodic Death americano che fa fede a gente come Arsis, The Black Dahlia Murder e Inferi, ma con l'aggiunta di elementi presi dal Prog Death canadese. Il risultato è perciò un disco che sa subito di USA ma con quel tocco personale in più. Se, quindi, sono ben definite le coordinate americane nel loro stile, è altresì vero che gli Swelling Repulsion non si siano limitati a presentarci un ennesimo album facente parte di quel filone, ma abbiano decisamente alzato di più l'asticella. Il ventaglio musicale presentatoci è estremamente variegato con costanti rimandi a sound e melodie più morbide e liquide nelle quali la chitarra solista si staglia, ma costantemente pennellati dalla ferocia spigolosa del Melodic Death americano giocando quindi su questo costante equilibrio tra i due punti focali. I brani sono corti, forse troppo con una media di 3 minuti scarsi, diretti e di impatto, che mostrano ottime capacità di songwriting mai eccessivamente fini a sé stesse; tuttavia qui siamo nel caso opposto, ossia quello in cui ci si potrebbe aspettare qualcosa di più. Invece la durata breve dei pezzi ed un andamento, a volte, un po' timido lasciano intendere come il duo debba ancora capire bene quale sia il vero focus del gruppo. Non fraintendetemi, non vogliamo lasciar intendere che il disco si perda; al contrario: è proprio ascolto dopo ascolto che vien voglia di avere qualcosa di più dai Nostri, come se il disco volesse restare adagiato su una comfort zone. Tuttavia se siete fan di questo genere troverete certamente spunti molto interessanti negli Swelling Repulsion: una realtà che, lo sottolineiamo, con un biglietto da visita come questo, al netto di qualche difetto poc'anzi messo in luce, potrebbe ritagliarsi una buona fetta di pubblico.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    09 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 09 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -  

Giunge al suo primo full-length la Brutal Death Metal band internazionale Awaken the Misogynist con "Decended from Vast Dimensions", edito da Comatose Music. Formatosi nel 2019 per mano di artisti provenienti da USA, UK, Svizzera e Hong Kong, il gruppo si rivolge ai fan più intransigenti dello Slam/Brutal Death grezzo ed ignorante, figlio diretto di gente come Abominable Putridity, Vulvectomy, Visceral Disgorge e compagnia bella; e lo fa con una formula classica quanto funzionante. Spulciando un po' in giro si scoprirà che ciascun membro presente nel progetto già milita in altri gruppi, tutti appartenenti al filone Brutal e Slam. In effetti ci si mette poco per capire che qui non si scherza ma che dietro ci sia gente competente. Quindi, se da una parte possiamo constatare un curriculum di tutto rispetto, dall'altra tuttavia non si potrà non notare quanto il disco di base sia fin troppo classico, senza un effettivo guizzo di genio o con elementi innovativi. Non che lo Slam sia un genere avvezzo alle soluzione eterogenee, ma nemmeno a proporre qualcosa che ha fin troppo da spartire con i capisaldi del genere pocanzi citati. Sembrerebbe, dunque, che gli Awaken the Misogynist abbiano semplicemente voluto unire le forze ed omaggiare il genere musicale proposto nel modo più genuino e semplice possibile; ed in effetti la formula funziona alla grandissima. L'ascolto risulta scorrevole, con un giusto equilibrio tra i breakdown cadenzati e pieni di armonici e sezioni molto più camminate. Ma, dicevamo, trattasi comunque di un lavoro da 6 politico, che chi naviga in questo genere sicuramente scarterà dopo un solo ascolto. Quindi, se siete dei novizi troverete certamente nella proposta della band internazionale un buon assaggio di Slam/Brutal Death suonato a regola d'arte. Se, invece, siete da palato più raffinato, di certo i Nostri risulteranno fin troppo basic e standard. Da parte nostra ci riteniamo soddisfatti di un disco che, nel suo piccolo, il lavoro lo svolge bene.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
430 risultati - visualizzati 1 - 10 « 1 2 3 4 5 6 ... 7 43 »
Powered by JReviews

releases

Quando si tratta di Metal melodico, con i Dynazty si va sul sicuro!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voce poco convincente e musica piuttosto standard in questo EP di debutto dei Sexmag
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pochi fronzoli e vecchia scuola nel debutto del duo norvegese Phantom Fire
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli amanti del Death/Black senza fronzoli, il debutto degli Altars Ablaze
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sublime, poetica e disperata: la quarta meravigliosa opera degli austriaci Ellende
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Graceless confermano le ottime impressioni dei passati lavori
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla