A+ A A-
02 Nov

I Vision of Atlantis: una band “nuova” ma con un passato alle spalle In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Michele Guaitoli dei Vision of Atlantis ci parla del loro nuovo live album “A Symphonic Journey to Remember” e di come la band si sia rinnovata negli ultimi anni.

 

AAM: “A Symphonic Journey To Remember” è il titolo del vostro nuovo live album/dvd: di questi tempi, vedere le immagini e ascoltare un concerto ci hanno trasmesso subito un senso di nostalgia per qualcosa che ci manca parecchio. Qual è il tuo punto di vista su questa nuova chiusura riguardante il settore? Qual è il tuo stato d'animo in questa situazione? Sei ottimista?

MG: Intanto grazie mille per dedicarci questo spazio, sai bene che è sempre un piacere per me poter approfondire i lavori e ad Allaroundmetal non mancate mai nel darmi questa possibilità!
Ti confesso che il mio ottimismo è un po’ scemato negli ultimi mesi. Quando la pandemia è iniziata ero convinto che l’avremmo superata nel giro di qualche mese, o al massimo un anno. Di recente perfino alcuni tour dei miei progetti che già erano stati ri-programmati sono stati nuovamente rimandati (il tour headliner dei Visions spostata a Settembre 2020 ora rimandato a Settembre 2021, il tour dei Temperance con Tarja riprogrammato per Marzo 2021 ora spostato a Marzo 2022, il tour di ERA è stato spostato a Dicembre 2021), di altri non si ha notizia (non ho idea di quando potremo recuperare il tour statunitense dei VoA in supporto ai Dragonforce) e più il tempo passa meno le cose sono chiare. Io comprendo assolutamente la difficoltà della situazione, mi rendo conto che l’unica maniera per combattere questo virus è il limitarne la diffusione…e soprattutto mi rendo conto che il problema non sta nella pericolosità del virus in quanto a mortalità, ma nella difficoltà di gestione del sistema sanitario. Tutto quello che già (soprattutto in autunno e inverno) saturava gli ospedali, oggi con il COVID è portato all’ennesima potenza e, non solo in Italia perché gli Italiani sono disorganizzati, in tutta Europa gli ospedali stanno collassando. Purtroppo bisogna tenere duro, fare ciò che è giusto fare per salvaguardare le vite altrui, indipendentemente dall’età dei “soggetti a rischio” e, soprattutto bisogna evitare di avere una situazione ospedaliera dove si rischia di rimanere fuori malgrado condizioni critiche per qualsiasi patologia, per mancanza di posti.
In tutto questo è innegabile che nel 2020, la musica, l’arte e il settore artistico in generale è stato assolutamente ferito e questo (o questi, se il 2021 non vedrà miglioramenti) sarà ricordato come l’anno in cui la musica è stata messa da parte.
Speriamo la questione si risolva, perché personalmente la musica è la mia vita e, per quanto stare a casa a comporre o in studio con i vari progetti che seguo siano attività che amo, il valore culturale di un concerto dal vivo e le emozioni che solo la musica dal vivo possono dare sono qualcosa di cui non si può fare a meno. O meglio, possiamo di certo sopravvivere senza, ma sarebbe un po’ come una vita senza viaggi o senza libri.

AAM: Il concerto è stato registrato nel 2019 in occasione del Bang Your Head Festival!!! e vede la partecipazione di una vera e propria orchestra, la Bohemian Symphony Orchestra Prague: uno show davvero impegnativo, che vi vede protagonisti con una performance eccezionale e con il vostro sound che ne esce sensibilmente arricchito. Com'è nata quest’idea?

MG: La collaborazione con la Bohemian Symphonic Orchestra Prague nasce addirittura prima del mio arrivo nei Visions of Atlantis. Il concerto avrebbe dovuto svolgersi al Masters of Rock del 2017 se non erro, poi saltato per vari motivi. La BSOP aveva già sviluppato gli arrangiamenti ed era già pronta e si era rimasti nell’ottica di recuperare la data prima possibile. Ovviamente la problematica per un’occasione del genere è organizzativa ed economica, perché spostare un'orchestra ha dei costi e organizzare uno show con un'orchestra su un palco di un festival ha delle grosse attenzioni organizzative da sviluppare. Lo scorso anno il Bang Your Head ha deciso di voler fare questo investimento, che si è rivelato vincente, e noi abbiamo colto la palla al balzo per renderlo uno showcase di quello che potrebbe essere un live dei Visions of Atlantis portato all’ennesima potenza. Poter suonare del Symphonic Metal con una componente organica sicuramente eleva la qualità artistica dell’esibizione.

AAM: Considerando che tu vivi in Italia e Clémentine in Francia, mentre il resto del gruppo è austriaco e che l'orchestra è della Repubblica Ceca, come avete preparato questo show?

MG: Con un atteggiamento il più professionale possibile, tanta preparazione personale ed una bella sessione intensiva di prove. I ragazzi della BSOP hanno provato gli arrangiamenti sui nostri brani indipendentemente, noi ci siamo preparati al meglio per evitare qualsiasi “variazione dal vivo” che a volte si fa su alcuni brani, rispettando totalmente le versioni studio e, quando ci siamo trovati (il giorno prima del Bang Your Head) in Repubblica Ceca nella sala prove dell’orchestra, portando ovviamente il necessario per inserire la nostra componente elettrica, ci siamo semplicemente occupati del mettere assieme le parti, perfezionare i dettagli e creare un feeling d’insieme. Ovviamente, per i più tecnici curiosi, noi come sempre abbiamo suonato a metronomo, mentre loro seguivano il direttore d’orchestra che a sua volta riceveva una traccia di click creata appositamente per l’occasione, specifica per le parti orchestrali.

AAM: La setlist va ovviamente a pescare la stragrande maggioranza dei brani dagli ultimi due album: immagino li sentiate più “vostri” per essere di fatto quelli che vi vedono protagonisti o si tratta di una scelta semplicemente stilistica, legata al fatto che si adattavano meglio ad essere eseguiti con l’orchestra?

MG: I Visions of Atlantis sono letteralmente rinati nel 2018 con “The Deep & the Dark”. Come penso saprai, la storia della band è stata decisamente travagliata e discontinua fino a prima di questo album “peculiare” nella carriera dei VoA. Tra cambi di line-up, problemi interni, pause e riprese, una band che è stata tra le prime band Symphonic Metal in Europa (e la prima in assoluto ad avere un vocalist maschile ed una vocalist femminile entrambi con vocalità pulite in formazione come membri fissi) si ritrova oggi in pratica a doversi considerare una band “nuova”, ma è una definizione che sta piuttosto bene a tutti. Abbiamo il vantaggio di avere uno storico ed un nome che non è nuovo nell’ambiente, alcuni brani che sono pezzi piuttosto di rilievo nel settore (“New Dawn”, “Lost”, “Seven Seas”) e la fortuna di poterci presentare come band fresca e rinata. Ora questa formazione è stabile e l’armonia interna è davvero stupenda. Per Clémentine, Dushi, Herbert e Thomas, il prossimo sarà il terzo album in studio insieme e la quinta release in quattro anni, per me, che comunque sono entrato in formazione subito dopo la release di “The Deep & The Dark” sarà la quarta (mi riferisco al Live album del 2018, “Wanderers”, questo DVD e il prossimo disco). Pensa che già così è una continuità che mai c’era stata prima e dal vivo grazie anche a questa situazione di sincronia e amicizia che si è creata, abbiamo sicuramente alzato l’asticella, oltre ad aver suonato veramente tantissimo. E’ inevitabile che la nostra identità è quella mostrata negli ultimi lavori, gli unici dove le nostre voci sono anche nelle versioni originali.

AAM: Collabori con vari gruppi e hai lavorato con varie partner: quali sono a tuo avviso i punti di forza in particolare di questa tua collaborazione con Clémentine?

MG: Di base mi approccio ad ogni realtà in cui suono con una mentalità differente, cercando di sviluppare un’identità che non rischi di mettere sullo stesso piano una band rispetto ad un’altra, e credo che questo sia un po’ il mio punto di forza. Non canto alla stessa maniera nei Visions, nei Temperance e negli ERA, così come non cantavo alla stessa maniera nei Kaledon e prima ancora negli Overtures. Questo stesso principio lo porto nel rapportarmi con altri vocalist. Se i Temperance sono una realtà piuttosto pirotecnica dove la forza vocale della band sta nell’esplosività e nella potenza sonora, i Visions sono rappresentati moltissimo dalla vocalità di Clemi. Lei è una ragazza assolutamente elegante, bilanciata e di stile e, incredibilmente, allo stesso tempo, è caratterialmente una persona con i piedi per terra, colta e generosa. Come tutti ha pregi e difetti, ci mancherebbe, ma di certo tra i difetti non si può menzionare l’essere altezzosa, tutt’altro. Questo è un po’ quello che sono i Visions of Atlantis, dove le nostre vocalità sono praticamente sempre delicate, morbide, curate ed alla ricerca di un suono elegante e dolce. Il tutto con una miscela tra la teatralità, la recitazione (nel suo caso a volte sfociando nel cantato lirico) e suoni più diretti ed assolutamente moderni. Direi che come descrizione forse è anche troppo specifica, ma rispecchia pienamente quello che è l’aspetto vocale dei VoA e l’intesa “professionale” tra me e Clementine.

AAM: Come ti sei trovato a cantare con un'orchestra alle tue spalle? Intendo dire che c'è il rischio tra amplificazione e pubblico di non avere una percezione definita dei suoni, invece le due voci soliste sono riuscite a incastrarsi alla perfezione con tutto il resto.

MG: Guarda, spero anche qui la risposta non sia troppo tecnica, ma oggi potendo lavorare con gli in-ear monitor, se si è seguiti bene e si hanno le competenze giuste, questi sono problemi che si possono dire “appartenenti al passato”. Io sono tranquillamente definibile “uno smanettone”, un “nerd” della tecnologia musicale. Sono così da quando ho iniziato a suonare, fondendo la mia passione per l’informatica con quella per la musica…e credo di aver influenzato praticamente tutte le band in cui ho suonato. Nel 2005-2006 con gli Overtures quando portavamo il nostro sistema di in-ear monitoring sul palco e dicevamo “non ci servono le spie, grazie”, ci guardavano come alieni. Pochi mesi dopo il mio ingresso nei Kaledon, così come nei Temperance, siamo passati all’in-ear monitoring indipendente anche lì, e nel frattempo questo sistema di gestione è diventato sempre più comune, tanto che oggi è quasi più difficile trovare una band che non fa utilizzo di un sistema di monitoraggio personale che il contrario. I Visions lavoravano così già prima del mio ingresso, per di più con degli strumenti praticamente identici a quelli che già usavo nei Temperance, quindi è stata una transizione assolutamente indolore. Avere questo tipo di strumenti, soprattutto con macchine professionali e di fascia alta come nel caso dei VoA o dei Temperance, significa poter ascoltare in cuffia quel che si vuole, livellando ogni componente a proprio piacimento per trovare il perfetto comfort, con tanto di effetti (riverberi, delay ecc ecc) personalizzati e pubblico (microfonato) ed orchestra (microfonata) controllabili separatamente. In poche parole durante il soundcheck, come per ogni altra data, ognuno di noi ha potuto agire personalmente sul proprio “mix” di ascolto, scegliendo a che livello tenere l’orchestra, a che livello tenere il metronomo, a che livello tenere il pubblico…personalmente la mia percezione era quella di ascoltare il DVD in anteprima (risate, ndR).

AAM: C'è qualche brano nel repertorio dei Vision of Atlantis che per te ha un significato particolare o che comunque ti fa particolarmente piacere cantare?

MG: Sicuramente tutti i brani estratti da “Wanderers” hanno un significato più forte per me, per il semplice fatto che a differenza dei lavori precedenti, li ho visti nascere, crescere, ci ho messo del mio in studio. Un po’ rimpiango la mancanza di “A life of our own” nel DVD (abbiamo iniziato a portarla dal vivo da settembre nel tour coi Freedom Call), che è uno dei pezzi che addirittura ho avuto l’onore di scrivere personalmente per i VoA. Sicuramente quello è uno dei pezzi che più mi fa piacere cantare perché è un po’ il simbolo del mio inserimento nel progetto, quella canzone che mi fa dire: “Ok, questa ora è anche la mia band”. Penso sia comprensibile il fatto che, entrando in una band con uno storico e già avviata, si vive sempre con il fiato del passato sul collo. Ci sarà sempre l’ombra del componente prima di te ad accompagnarti, tanto più quando tu fai parte della band da due anni, ma prima di te c’è una storia di diciotto anni. Eppure quando sali sul palco e canti determinati brani, tutto questo scompare e ti senti parte del progetto. Diciamo pure che quando scrivi della musica tua e riesci addirittura a portarla in una realtà di questo tipo, ha un significato diverso. Sono sicuro che se la stessa domanda la facessi a Clémentine, ti risponderebbe “Wanderers”, perché è uno dei brani che ha scritto e suonato lei. Sono simboli della nostra integrazione nella band.

AAM: I Vision of Atlantis sono una band che è sulle scene da parecchi anni e ha una discografia ormai sostanziosa alle spalle, ma di fatto è una band praticamente nuova questa che è stata costruita attorno al batterista Thomas Caser. Come spieghi tutti questi avvicendamenti in line-up?

MG: La storia non cambia praticamente mai. Thomas ci ha parlato spesso del passato, ovviamente dal suo punto di vista, e la sensazione sinceramente è che al di là del paese, al di là della nazionalità, le vicende nel settore musicale siano sempre le stesse. Spesso ci lamentiamo che in Italia le band sono poco professionali, o di questo o dell’altro aspetto, dicendo che “all’estero così non lo fanno”. Personalmente vivendo e rapportandomi con realtà estere mi rendo conto sempre di più che tutto il mondo è paese. Io stesso ho vissuto sulle mie spalle diversi cambi di line-up determinati da quelli che vengono presentati sempre come “divergenze musicali” o “diverse aspettative”. La verità è che per qualunque band, a qualunque livello, serve una base di passione incondizionata e di amore assoluto verso la musica, perché le soddisfazioni sono difficilissime da raggiungere, perché i soldi che girano nel mondo musicale sono pochissimi a meno che non si suoni in una formazione con un nome davvero altisonante e perché i sacrifici da fare sono tantissimi. Il tour in Sudamerica a inizio 2019 dei Visions è stata un’esperienza indimenticabile, ma abbiamo dormito qualcosa come tre/quattro ore a notte, senza guadagnare un euro perché non potevamo permetterci di portare il merchandise con noi e i ricavati erano appena sufficienti a coprire le spese di viaggio e di trasporto e tutti ci siamo ammalati, suonando chi con la febbre, chi con l’influenza intestinale, mangiando malissimo perché non avevamo tempo di fare dei pranzi o delle cene decenti. Non è esattamente la descrizione della vita da rockstar a cui la gente pensa, ma per noi era un sogno che diventava realtà. Di storie di questo tipo ce ne sono a migliaia e per raggiungere questi risultati bisogna passare per situazioni ancora più discutibili. Notti in van alternandosi alla guida e dormendo seduti per fare delle tournèe necessarie al percorso. Chilometraggi improbabili con magari sei ore in un furgone più il concerto, poche ore di sonno per poi ripartire. Sono la famosa “gavetta” per la quale bisogna passare, tutti tranne dei rarissimi casi di fortuna assoluta di cui non si può fare uno standard. Io ho perso progetti in cui credevo perché c’è stato chi si è stufato, chi a un certo punto voleva un ritorno economico che sarebbe potuto arrivare solo anni di lavoro dopo, chi ha deciso che non ne valeva la pena e chi mi dava del pazzo perché volevo continuare a fare cose così folli. Oggi non mi pento assolutamente delle mie decisioni e Thomas ti racconterebbe esattamente la stessa identica storia, non pentendosi minimamente delle sue scelte.

AAM: Avevate pubblicato un live album appena l'anno prima: come mai avete optato per una nuova pubblicazione di questo tipo così ravvicinata?

MG: In realtà il live album del 2018 è stato totalmente inaspettato, ma molto funzionale. Come sai “The Deep and the Dark” è stato registrato con Siegfried Samer alla voce maschile, che poi mi ha letteralmente “ceduto la staffetta” invitandomi a sostituirlo quando ha scelto di lasciare la band. Con Siegi il rapporto è tuttora ottimo, ho perfino preso parte ai cori del prossimo album dei suoi Dragony (dove suona anche Herbert, bassista dei Visions of Atlantis), quindi davvero tutta una grande famiglia. Un retroscena è che Siegfried voleva abbandonare i Visions già da un po’: lui è stato onestissimo e la band lo sapeva da tempo, ma non avevano trovato nessuna figura adatta. A poterlo fare credo, anche se non è mai stato detto esplicitamente, che sia lui che i VoA avrebbero preferito registrare “The Deep and the Dark” con il nuovo cantate maschile per far partire il nuovo ciclo in maniera più pulita, ma le leggi del mercato discografico hanno impedito alla band di aspettare, scelta che tra l’altro si è rivelata correttissima. Fortuna ha voluto che ci siamo trovati pochi mesi dopo, e che io abbia avuto la possibilità di esibirmi dal vivo già nel tour promozionale di “The Deep and the Dark”. Il live album, che non a caso si chiama “The Deep & The Dark live” è stato una sorta di “regalo” discografico nel quale vengo introdotto e nel quale diamo la possibilità di sentire la stragrande maggioranza di quei brani con l’attuale formazione. Il DVD con l’orchestra è tutt’altro prodotto visto che ha una componente video, una durata doppia (1,30 contro i 45 minuti di TD&TD), i brani di “Wanderers” ed uno spettacolo maturo e curato. Di certo non ci saranno altri dischi dal vivo per un bel po’.

AAM: Quali sono i vostri progetti per il futuro? So che avete già pianificato un tour per l'anno prossimo. È cambiato qualcosa in generale nei vostri piani a causa della pandemia?

MG: Come anticipato nella prima domanda, ora come ora è tutto un’incognita. Non abbiamo idea di quando potremo ripartire con la musica dal vivo purtroppo, possiamo solo sperare che avvenga il più presto possibile. Ad Aprile 2020 avremmo dovuto avere la seconda parte (quella più lunga e principale) del nostro primo tour europeo da headliner, che ora è stato spostato a Settembre 2021. Si farà? La speranza è che avvenga, ma le certezze non ci sono. Nel frattempo stiamo scrivendo un nuovo album, che per la prima volta ci vede coinvolti in una scrittura di gruppo. Io e Clémentine ci siamo trovati nel mio studio alla The Groove Factory di Udine già diverse volte ed abbiamo unito le nostre idee, sviluppato insieme oltre 7 brani e continueremo a lavorare in questa maniera finché non avremo il disco pronto. La speranza a questo punto è di farlo uscire prima del tour di Settembre 2021, in maniera da promuoverlo dal vivo e finalmente ripartire a gonfie vele. Posso dirti che su questo punto di vista siamo assolutamente soddisfatti ed entusiasti, credo che per tutti nei Visions of Atlantis un’intesa simile fosse necessaria, e soprattutto credo che per Thomas vedere una band coesa e che lavora d’insieme, dopo tanti anni di problematiche, sia davvero un nuovo stimolo. A questo punto dobbiamo solo sperare di fare un bel centro dal lato musicale, per fare un nuovo passo avanti. Noi ce la stiamo mettendo tutta!

Ultima modifica il Martedì, 03 Novembre 2020 19:42
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Red Moon Architect: il freddo bacio finnico della morte
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Einherjer: risplende sufficientemente bene la stella dei vichinghi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla