A+ A A-
11 Lug

Fallen Sanctuary: Marco Pastorino ci racconta come è nato il gruppo In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo la recensione dell'ottimo "Terranova", debut album degli italo/austriaci Fallen Sanctuary, Marco Pastorino (chitarra e voce) si è intrattenuto con noi di allaroundmetal.com per parlarci un po' di questa nuova band.

 

AAM: Ciao Marco e grazie per essere qui con noi. Raccontaci come è nato il progetto Fallen Sanctuary, come mai tu e Georg avete deciso di fondare un gruppo e come avete scelto bassista e batterista.

MP: A cavallo tra il 2018 ed il 2019, dopo aver fatto alcuni tour europei insieme tra Serenity e Temperance, Georg ed io abbiamo collaborato alla scrittura di alcuni brani per quello che poi sarebbe diventato “The Last Knight” l'ultimo album dei Serenity. Dopo quell'esperienza ci eravamo ripromessi che avremmo nuovamente fatto qualcosa in futuro, di completamente nuovo, a seconda dei nostri momenti liberi da impegni vari. Nei primi mesi di Covid e lockdown, ci siamo risentiti ed abbiamo deciso di provare a scrivere nuovi brani insieme. Nel giro di pochissimo tempo, è nato l'album Terranova, che abbiamo iniziato a registrare nell'estate 2020 ma poi, complici gli ulteriori lockdown, abbiamo nuovamente messo in stand by.

Alfonso Mocerino è stata la prima persona a cui abbiamo pensato in quanto suoniamo insieme già in altre band ed è uno dei miei migliori amici. La scelta di Gabriele Gozzi è arrivata in seguito alla registrazione del disco; cercavamo un bassista in grado di cantare e tra le opzioni sul tavolo ho chiamato Gabri, che reputo uno dei migliori cantanti italiani, e da lì il passo è stato breve.

 

AAM: Come mai avete scelto proprio il nome “Fallen Sanctuary”?

MP: Volevamo creare una sorta di connessione tra il passato ed il presente/futuro. Fallen Sanctuary è il titolo del disco più apprezzato nella storia dei Serenity e ci sembrava molto bello come modo per rappresentare quello che siamo e da dove veniamo.

 

AAM: Perché avete scelto il pezzo “Terranova” per dare il titolo all’album? Non poteva essere scelto un titolo differente?

MP: Certamente, ma Terranova è uno dei primi brani che abbiamo scritto per questo album e che forse meglio rappresenta il nostro stile, quindi ci sembrava il miglior modo di presentare la band.

 

AAM: Chi si occupa di scrivere i testi e le musiche? Nasce prima il testo o prima le musiche, insomma come nasce una canzone dei Fallen Sanctuary?

MP: Georg ed io scriviamo praticamente tutto insieme, solitamente sono io a curare più l'aspetto musicale e di arrangiamento, mentre è lui che mette più idee per quanto riguarda i testi. Non c'è una regola fissa, ma siamo soliti a fissare idee scambiandoci materiale, possibili melodie, per valutare che possano essere vincenti, e da lì ci mettiamo a completare i brani.

 

AAM: Cosa rappresenta l’artwork di Gustavo Sazes, quale legame (se c’è) ha con i testi e come mai avete scelto proprio lui per realizzare la copertina del vostro album?

MP: Come per il nome della band, abbiamo scelto Gustavo in quanto è stato proprio lui l'artista dietro all'artwork dell'album Fallen Sanctuary dei Serenity, ci sembrava così la perfetta chiusura del cerchio. La cover rappresenta proprio quello che sta dietro alla titletrack del disco, con questa figura femminile in primo piano con tutte le proprie sfaccettature ed ombre della vita quotidiana.

 

AAM: Avete deciso di realizzare due differenti bonus tracks per la versione cd e quella in vinile, cosa ci racconti sul pezzo “The giant” che non abbiamo avuto a disposizione per la recensione?

MP: Per questo album abbiamo scritto una ventina di brani per poi andare a scremare il tutto fino a 10 canzoni. Ma c'erano ancora 3 brani di cui eravamo innamorati, Wait for Me contenuta come bonus track digitale, The Giant presente come bonus unicamente per il vinile e Master of The Sea che abbiamo scelto di utilizzare unicamente come materiale bonus per le persone che hanno partecipato alla nostra campagna crowdfunding.

 

AAM: Avete già girato ben tre video per promuovere il vostro album. Cosa ci racconti di queste esperienze e come mai avete scelto proprio quei tre pezzi?

MP: Girare dei video è sempre un qualcosa di divertente, soprattutto quando all'interno della band c'è un'amicizia profonda come nel nostro caso. Per quel che concerne la scelta dei brani, ci siamo fin da subito confrontati con Afm e siamo stati d'accordo sulle canzoni da utilizzare.

 

AAM: Ci puoi svelare se avete in programma di realizzare anche un quarto video, magari dandoci qualche anticipazione al riguardo?

MP: Uscirà un quarto video a fine luglio, la mia canzone preferita dell'album, To The Top. Sarà “ispirato” al mood anni ‘80 del brano.

 

AAM: Argomento live. Dopo due anni di blocco per la pandemia, finalmente quest’anno stanno tornando i concerti dal vivo (quando non vengono annullati per il maltempo….); cosa hanno in programma di fare i Fallen Sanctuary? Quando insomma potremo vedervi on stage?

MP: Abbiamo appena fatto alcuni show di presentazione del disco tra Austria e Germania, dopo aver partecipato ad aprile ad alcune date tedesche ed olandesi del tour Serenity. Avremo ancora qualche data nel 2022 e stiamo lavorando ad ulteriori date e tour nel 2023.

 

AAM: Se potessi scegliere un gruppo a cui i Fallen Sanctuary dovrebbero fare da supporto per un tour, quale preferiresti e per quale motivo?

MP: Difficile sceglierne solo uno, ma ti direi Edguy, Sonata Arctica e Stratovarius, sono tra le band che amiamo più nel power di fine anni 90 inizio 2000.

 

AAM: Ho trovato il vostro album semplicemente strepitoso, tra i migliori ascoltati quest’anno in campo power metal; come sono stati i responsi della stampa al riguardo? C’è qualche sassolino che vorresti toglierti dalla scarpa?

MP: Grazie mille per le belle parole! Al momento abbiamo ricevuto un feedback entusiastico dall'Europa, Germania in primis con l'entrata del disco in classifica, ma anche dagli Stati Uniti e Giappone. Non vediamo l'ora di avere l'occasione di suonare in tutti questi stati.

 

AAM: Una particolarità che ritengo sopraffina del vostro album è l’equilibrio tra le voci tua e di Georg, un’alchimia davvero speciale; come decidete la divisione delle parti cantate tra voi?

MP: Anche qui niente di deciso a tavolino, abbiamo passato insieme i giorni in studio e, dopo aver naturalmente segnato indicazioni su chi avrebbe cantato cosa, abbiamo rivalutato molte parti a seconda delle peculiarità di uno e dell'altro, se per esempio serviva una voce più profonda o teatrale, la voce di Georg era sicuramente quella più consona al brano.

 

AAM: Se avessimo un mago con la sfera di cristallo, cosa vedremmo sul futuro dei Fallen Sanctuary? Sarà un’avventura limitata nel tempo (visti i tanti impegni di ognuno di voi), oppure ci sarà un secondo ed altri album in futuro?

MP: Abbiamo deciso da subito che questa band sarebbe stata una vera band. Ognuno di noi ha avuto ed ha tutt'ora diversi progetti relativi solo allo studio, ma con Fallen vogliamo portare i brani in tour, live, festival ecc. Ci sarà un secondo album in tempo breve e via in avanti così.

 

AAM: A settembre uscirà il nuovo album dei Virtual Symmetry, altra band in cui sei protagonista; cosa ci puoi anticipare al riguardo? E ci sono altri progetti in arrivo per te e/o per gli altri membri dei Fallen Sanctuary?

MP: Il nuovo album Virtual Symmetry è frutto di un duro lavoro nel 2021-2022 e ne siamo entusiasti. Finalmente avremo l'opportunità di promuoverlo al meglio col tour europeo in supporto agli Evergrey, sarà la prima esperienza come tour per gli altri ragazzi, non vediamo l'ora. Sono sempre poi coinvolto in molte situazioni come ospite alla voce, o come songwriter, ma nei prossimi mesi sarò molto occupato dal discorso live coi Temperance, abbiamo moltissime date e tour già confermate ed altri in arrivo.

 

AAM: Siamo arrivati alla conclusione di questa nostra chiacchierata; ti ringraziamo per la disponibilità e concludiamo, come consuetudine, lasciando uno spazio a tua completa disposizione per un saluto ai fans dei Fallen Sanctuary ed ai lettori di allaroundmetal.com

MP: Grazie mille per il vostro spazio! Speriamo di vederci presto in Italia con qualche data Fallen Sanctuary!

Ultima modifica il Lunedì, 11 Luglio 2022 20:13
Ninni Cangiano

Keep the faith alive!!

Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Fans del Power Metal scandinavo, segnatevi il nome degli Evermore!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dark Forest, un EP per i fans degli Elvenking
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva anche sul mercato europeo il discreto EP dei Phantasmagore
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il nuovo Zornheym è molto più che un momentaneo sonno della ragione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficiente la prima prova su lunga distanza dei Last Retch
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orgg: in "Dimonios" il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla