A+ A A-
Corrado Franceschini

Corrado Franceschini

Oltre 50 anni di età e più di 35 anni di ascolti musicali.

URL del sito web: http://it-it.facebook.com/people/Corrado-Franceschini/100000158003912 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scala Mercalli – Intervista con il batterista Sergio Ciccoli

Mercoledì, 20 Settembre 2017 19:11 Pubblicato in Interviste

 

Dopo avere recensito il C.D “New Rebirth” dei Scala Mercalli (voto 3,5/5)  ho deciso di comune accordo con il batterista Sergio Ciccoli, unico rimasto della formazione originale, di approfondire le tematiche del disco e di entrare in profondità nella storia della longeva formazione marchigiana.

C) Ciao Sergio. Ben arrivato su www.allaroundmetal.com. Se sei d’accordo partirei con le domande.

Ciao Corrado, grazie dell’ospitalità sul Allaroundmetal. Si vai partiamo pure!

C) Non ti chiedo di tracciare per filo e per segno la storia dei Scala Mercalli visto che hai formato la band nel 1992 e in 25 anni di cose ne sono successe parecchie. Vorrei però che, per lo meno, segnalassi gli eventi che ritieni più importanti per la crescita e lo sviluppo del gruppo.

Partiamo allora dal 1992, l’anno di esordio, quando la scossa Metallico Tellurica è nata: eravamo giovani, quasi tutti diciannovenni e tanta voglia di diffondere un po’ di Heavy Metal, fatto con passione nostrana, diversi mesi di prove e i primi live che, ovviamente, come il primo amore, non si scordano mai. Da lì a poco abbiamo effettuato la registrazione del primo demo tape 95/96 HellBringer in analogico e bobina, una realtà che oggi pochi credo possano ricordare (in studio si suonava dritti dall’inizio alla fine e non si sistemava niente con il computer).

Grandi responsi anche dall’estero e qualche proposta seria per registrare un album, ma, a causa di una  formazione instabile, si è passati al rimpasto line up andando avanti con il successivo demo tape “Gargoyles” 98/99, altro bel successo di critica e stampa (circa 700 demo-tape venduti solo in Italia per posta e molti altri spediti all’estero). Purtroppo però, poco prima di realizzare l’album, la formazione ha incontrato delle difficoltà, qualcuno si è distaccato un po’ dal genere e quindi altri cambi e ricerca di sostituti più motivati. Solo con l’avvento di Christian, che è il nostro attuale cantante dal 2002, siamo riusciti a lavorare con più determinazione producendo così nel 2003 l’Ep “My Daemons”, nel 2005 l’album d’esordio “12th Leverl”, nel 2009 “Border Wild” e 2 anni fa “New Rebirth”. Anche se in ogni album qualche pezzetto era stato sostituito, avevamo ormai ingranato bene e macinato molte esperienze da non perdere così più troppo tempo tantoché, negli ultimi 15 anni, abbiamo supportato in Italia e all’Estero molte band da Blaze , Shaaman , Lacuna Coil, Exodus, Wasp , Tarja ecc: tutte esperienze che ci hanno fatto crescere molto sia a livello personale che sotto il punto di vista artistico musicale.

 

C) La discografia dei Scala Mercalli è formata da due demo, un E.P. e tre C.D. Puoi dire a me e ai lettori che non vi conoscono se il vostro sound è cambiato nel corso del tempo o se avete mantenuto intatte le vostre coordinate musicali?

Diciamo che a livello di suoni  siamo evoluti di pari passo con la tecnologia, quindi negli anni produzioni sempre più buone. A livello di composizione siamo rimasti sempre fedeli alla linea, nel senso che il nostro genere Heavy Metal, anche se un po’ influenzato dallo Speed e dal Thrash, è sempre rimasto tale, perché è quello che siamo, ci sentiamo e sappiamo fare meglio!! Spero che l’unica differenza che si possa notare nell’arco di tutti questi anni è che i nostri pezzi risultino agli ascoltatori, sempre migliori a livello di arrangiamento, idee e maturati sotto l’aspetto tecnico e compositivo!

C) Nella mia recensione ho tirato in ballo nomi come Running Wild, Queensryche e Picture. Trovi che ci siano delle affinità musicali tra voi e le band che ho citato o preferisci essere avvicinato ad altri nomi della scena Hard and Heavy?

Sicuramente le band che hai citato ci hanno influenzato molto in quanto hanno fatto e fanno parte dei nostri ascolti e questo come hai notato, si riscontra nei nostri lavori, ma,  per far capire qualche sfumatura in più, devo aggiungere qualcosa: su alcuni dei nostri pezzi citerei anche Iron Maiden,  Megadeth, Manowar, Dio e un pizzico di Helloween.

 C) Che metodo di composizione usate per i brani? Decidete tutto in maniera collegiale o, vista la tua esperienza, hai un ruolo preponderante e tieni per te l’ultima parola?

Decidiamo tutto insieme e, anche se sono il più grande e con qualche anno di esperienza il più, ho sempre preferito che tutti i membri della band siano totalmente partecipi ad ogni brano. Quando componiamo infatti, le idee vengono da tutti e  le sviluppiamo sempre in sala prove. Secondo il mio parere infatti, lavorando in questo modo, vengono fuori canzoni più complete dato che ognuno di noi, essendo specializzato e competente dello strumento che suona, può migliorare il brano in composizione. Il fine ultimo non è di far evidenziare più o meno uno strumento, ma far sì che il messaggio arrivi chiaro e completo a chi ascolta.

C) Esiste un video che spiega perché avete dedicato a Giuseppe Garibaldi una canzone e spiega il vostro coinvolgimento nelle tematiche del Risorgimento. Potresti farci un breve sunto di quello che è (anche) il leit motiv di “New Rebirth” e dei suoi 13 pezzi?

Abbiamo deciso di parlare del Risorgimento perché riteniamo che, in questo difficile periodo storico che stiamo attraversando, sia importante ritrovare quei valori di Unità Nazionale che purtroppo, sembra si stiano perdendo. Notiamo infatti che, tra quegli anni in cui siamo nati come Nazione ed oggi, ci siano molte similitudini: allora eravamo politicamente e geograficamente divisi in diversi piccoli Stati, dominati soprattutto dalle potenze straniere con la forza delle armi. Ai tempi d’oggi, non è più possibile attuare una guerra di conquista fatta con le armi, così, consapevoli di questo, i “tiranni di oggi” ci stanno distruggendo attraverso il dominio economico (debito pubblico, banche e poteri politici corrotti sono tutti parte dello stesso “sistema di conquista”, volto ed interessato a renderci schiavi delle potenze straniere). Noi crediamo che, ricordare come i nostri avi, da nord a sud, hanno lottato e sacrificato la vita contro i “tiranni di allora” per renderci liberi e uniti, possa aiutare a farci ritrovare la forza per lottare oggi, di nuovo, tutti insieme contro, come dicevo, i “tiranni di adesso”. Possiamo ancora salvare la nostre radici e la nostra amata Patria!

C) Nelle foto “di scena” indossate spesso delle divise rosse. Mi piacerebbe sapere se l’idea vi è venuta prima di comporre “ New Rebirth” o se è stata una conseguenza e, ancora, chi ve le ha fornite?

Quando abbiamo scelto di trattare il Risorgimento, abbiamo deciso di adeguare anche il nostro look alle tematiche che avremmo trattato. Quindi, ispirandoci alle divise risorgimentali dei corpi di armata che hanno unificato il Paese, abbiamo creato cinque uniformi diverse: quelle dei chitarristi Clemente e Luca sono ispirate rispettivamente al 26° battaglione dei Bersaglieri e agli squadroni da guerra dei Carabinieri a cavallo, quelle rosse, la mia e quella di Giusy sono invece rispettivamente ispirate all’artiglieria garibaldina e alla cavalleria garibaldina. Quella di Christian infine è tratta da un reparto di volontari cittadini che poi si unirono a Garibaldi chiamato Battaglione della Morte (per sottolineando la loro fedeltà fino alla morte per la Patria). I disegni li abbiamo ricavati da documenti storici ufficiali e la realizzazione e stata a cura della Sartoria Turtù che è delle nostre parti.

C) Curiosità personale: come mai il disco è uscito per un’etichetta spagnola (l’Art Gates Records N.D.A.)?

Perchè l’Art Gates Records ci ha fatto un’ottima proposta, la migliore a noi pervenuta. Conoscendoci prima del disco, vedendoci live in qualche piccola turnee europea , hanno notato che il nostro genere anche dalle loro parti,  era ben apprezzato. Abbiamo così avuto molte buone recensioni non solo dal nord e est Europa ,ma moltissime anche dai paesi spagnoli e dell’America Latina. Speriamo un domani di poter tornare in Italia anche se sappiamo bene che qui le etichette per moltissimi motivi che tutti conosciamo (alte Tasse e SIAE in cima alla lista) fanno fatica a reggere!

C) Sono passati due anni dall’uscita di “New Rebirth”. Ora, a bocce ferme, se dovessi tracciare un bilancio tra vendite, e accoglienza del disco da parte di pubblico e addetti ai lavori, cosa ti senti di dire?

Oggettivamente mi sento di dire che abbiamo fatto notevoli passi avanti , moltissime recensioni ci sono arrivate da tutto il mondo tutte positive con una media generale di 8/10. Le vendite sono state buone considerando le difficoltà del periodo, grazie anche alla nostra attività live molto intensa, circa 40 date in Italia in 2 anni e numerose richieste dall’estero che stiamo cercando di soddisfare nonostante abbiamo tutti un secondo lavoro. Senza considerare poi i passaggi TV che, anche se sporadici, ci hanno permesso di apparire in diversi emittenti regionali e nazionali, non solo in Italia ma anche in alcuni paesi all’estero, specialmente in America Latina. Abbiamo avuto anche un importante appoggio da numerose radio con passaggi e interviste e dalle Web Zine che, come tu sai, sono uno dei veicoli più importanti per le band underground! Il discorso delle tematiche poi ci ha avvicinato anche alle istituzioni culturali che si impegnano a diffondere la cultura del Risorgimento in Italia. Siamo stati invitati a parlare della nostra musica anche in alcuni classi delle scuole medie, credo probabilmente sia stata la prima volta per una metal band in Italia, e la collaborazione sta continuando. Direi quindi che, tirando le somme, il disco in due anni ha fatto il suo lavoro, che non è solo di far crescere la band, ma soprattutto di diffondere un messaggio che possa essere il più utile possibile a tutti!

C) Il 30 maggio 2017 tu, Giusy Bettei (BS), e Christan Bartolacci (CH) siete stati invitati alla scuola media Soprani di Castelfidardo. Puoi raccontarmi come è nata questa esperienza e come l’avete vissuta?

Tutto è iniziato da una mail che ci hanno inviato alcuni ragazzi della 2° B della “Scuola Media Soprani” di Castelfidardo scrivendoci se potevamo mandar loro il testo della canzone “September 18, 1860,” in quanto era loro molto piaciuta e l’avevano inserita all’interno di un loro progetto scolastico. Ovviamente abbiamo accettato molto volentieri! Da lì a poco poi la loro insegnate , molto colpita dalle tematiche che avevamo trattato, ci ha invitato a scuola per parlare con i suoi alunni, anche se siamo potuti andare solo in tre perchè purtroppo sia Cristiano (il nuovo chitarrista che ha sostituito Luca)  e  Clemente erano impegnati in maniera irremovibile a lavoro. Anche se in formazione ridotta, quando siamo arrivati a scuola, abbiamo ricevuto un’accoglienza grandiosa da parte degli studenti con i quali abbiamo discusso sia di storia del Risorgimento che di Heavy Metal, così come dalle insegnati di classe. Quest’ultime hanno inoltre capito come anche il nostro genere musicale ha molto da dare per l’educazione e la formazione positiva delle menti degli studenti, come qualsiasi altra forma d’arte! L’esperienza poi si è conclusa improvvisando un piccolo concerto in acustico utilizzando gli strumenti della scuola con gli alunni delle diverse classi disposti tutti intorno a noi: esperienza molto divertente e  ammetto, anche molto emozionante, soprattutto quando li abbiamo sentiti partecipi nel cantare alcuni nostri ritornelli. Stiamo lavorando per far sì che questa collaborazione scuola - band possa proseguire il più possibile.

C) Ho visto che negli ultimi tempi è aumentata la vostra attività concertistica. Vi appoggiate a qualche agenzia/management, fate tutto da soli, oppure il nome è una garanzia e le date arrivano in maniera facile? Sarebbe un caso più unico che raro.

Diciamo che è un po’ l’unione di tutte e tre le cose in quanto qualche agenzia ci ha aiutato a trovare alcune date,  il nome della band che ormai gira da anni è discretamente conosciuto e quindi, per questo motivo anche qualche locale ci contatta, ma soprattutto è grazie all’aiuto di amici metalheads conosciuti negli anni che ci danno una mano a trovare contatti e così possiamo fissare date un po’ ovunque.

 

C) Si parla spesso di una scena italiana che per alcuni esiste mentre per altri è inesistente o estremamente frazionata, di mancanza di pubblico ai concerti, di difficoltà varie nel fare arrivare la musica al di fuori del circuito Heavy Metal. Qual è la tua idea/posizione su queste tematiche?

La scena Metal Italiana secondo il mio parere è molto viva e piena di potenzialità, perché vediamo che i numeri nei grandi festival o per i grandi nomi ci sono perciò gli ascoltatori sembrano non mancare! Anche a livello di band direi che siamo vivi e vegeti rispetto ai miei tempi. I gruppi validi sono aumenti e sono pieni di musicisti sempre più professionali. Una cosa importante che manca invece è l’appoggio dei grandi media TV e radio, che sappiamo tutti, sono pilotati da gente che non vuole la concorrenza sul mercato del Metal. Ma un’altra cosa che oggi secondo me frena lo sviluppo adeguato delle band italiane e soprattutto quelle underground è il fatto che molto spesso manca quell’entusiasmo da fan che nei famigerati 80’s era il “pane quotidiano”. Questo vuol dire che sì, bisogna impegnarsi a studiare lo strumento, ma è anche vero che bisogna avere molta attitudine per questo genere , quindi oltre che a suonare devi supportare la scena: vai a sentire i concerti delle altre band, compra cd, magliette o merchandising, perchè supportare la scena Metal in generale, fa crescere anche la tua band. Questo sistema che sperimento quotidianamente insieme a molte band Metal della nostra penisola è molto proficuo in quanto aiuta far crescere tutti nella maniera opportuna! Se ti senti troppo Rock Star, credo che il Metal non faccia al tuo caso..…whimps and posers leave the hall…”

C) Chiudo l’intervista nel più classico dei modi chiedendoti quali sono le prossime mosse degli Scala Mercalli, dove è possibile acquistare i vostri dischi e come è possibile rintracciarvi nel mondo di Internet? Grazie per il tempo che mi/ci hai voluto dedicare.

Le prossime mosse sono: preparare le canzoni per il prossimo album, già qualcosa abbiamo fatto e molto è ancora da fare, ma siamo in “fucina a battere forte sull’incudine” e poi continuare a suonare il più possibile soprattutto nei posti dove non siamo ancora arrivati. I nostri Cd si possono trovare invece nei negozi Metal sopravvissuti, in internet, tramite la nostra etichetta, sulla pagina FB della band o dal sito www.scalamercalli.com, ma il mio consiglio è di acquistarli ad un nostro live, così potrete decidere se prenderlo dopo che avrete testato se meritiamo la vostra fiducia!! Ringrazio tantissimo te Corrado per lo spazio che mi/ci hai dato e che dai al Metallo Italiano. Ringrazio tutti quelli che hanno avuto la pazienza di leggere l’intervista e mi raccomando… Non Dimenticate Mai “When we are united , When they fight for the right ideals … everything is possible.”

C) Ciao Tommaso. Ben arrivato sulle pagine di www.allaroundmetal.com.

Ciao Corrado e grazie mille per tutto il supporto e l’affetto che da sempre Allaroundmetal  ha dato sia ai Junkie Dildoz che a tutti gli eventi dedicati alle band underground e oltre che creiamo ogni anno, non sono in molti a continuare a credere così tanto nel Rock italiano ma voi lo fate costantemente e questo non potrò mai scordarlo !

C) Il Fuck You  We Rock Festival è alla sua tredicesima edizione. Puoi ricordare a me e ai lettori come è nato, a che scopo, e come si è evoluto?

Il Festival è nato nel 2011 un po’ per scommessa contro me stesso e un po’ per esigenza, pochissimi credevano che fosse possibile avere un discreto numero di presenze in serate totalmente dedicate alla musica inedita Hard Rock italiana ma io ho sempre avuto la testa particolarmente dura e il tempo, piano piano, mi sta dando ragione contro tutti i pregiudizi e gli scetticismi anche di buona parte degli “addetti ai lavori”!

La formula Festival allo stesso tempo ci permette di ottimizzare gli sforzi dedicati a promozione e organizzazione.

E’ vero che non vi è stato un ricambio generazionale importante nel Rock e che molto interesse verso la musica dal vivo sia scemato, ma organizzare questo tipo di manifestazioni (cercando quindi di ridurre il numero di date singole in zona per ogni gruppo) ci permette di  radunare piu’ spettatori  e di conseguenza  di migliorare costantemente quanto proposto nel tempo, difatti negli ultimi anni sono riuscito a inserire gruppi esteri come i Nasty Ratz o storici come i Warrior Soul nella bill, il 26 Agosto avremo i Now Or Never formati da membri di Pretty Maids (l'intervista la potete leggere qui :http://allaroundmetal.com/interviste/item/10810-intervista-con-ricky-marx-dei-now-or-never), Nightmare e Sultan e per il prossimo gennaio se tutto va bene avremo una sorpresa davvero grandiosa ! (almeno per me e la mia cricca di disgraziati haha)

C) Dopo tredici edizioni trovi ancora delle difficoltà nell’organizzare il festival oppure la macchina è talmente rodata che ti risulta facile svolgere il grosso del lavoro?

Diciamo che ormai mi sento abbastanza tranquillo sotto quel punto di vista. Sono riuscito a crearmi diversi contatti anche con artisti stranieri che ho sempre apprezzato e di cui leggevo nelle riviste da ragazzino e con cui non  mai avrei pensato di iniziare nemmeno a parlare figuriamoci a collaborare e questo è l’aspetto che mi ha dato maggiori soddisfazioni e di cui vado piu’ fiero, vuol dire che la passione, l’impegno e la costanza ripagano sempre!

Le difficolta’ sono invece rappresentate dalla diffidenza media del pubblico (purtroppo sempre piu’ spesso si esce senza la curiosita’ di ascoltare nuova musica... si sceglie dove andare in base al numero di presenti che si suppone possano accorrere e non in base a quanto presente in cartellone) e dal fatto che tante – troppe – band non capiscono l’importanza di lavorare duramente insieme a noi nella riuscita della serata, l’aspetto promozionale oggigiorno e’ importantissimo se si vuole fare la differenza e attirare l’attenzione. Fregarsene significa prima di tutto non avere rispetto dell’organizzatore e del club che sta investendo tempo e magari denaro su di te ma, soprattutto, e’ irrispettoso verso te stesso perche’ non cercare di raggiungere il maggior numero possibile di ascoltatori significa svilire quanto fatto in studio!

C) Che parte riveste, e quanto conta, la “fase burocratica” nell’organizzare un festival come il tuo/vostro?

Non e’ una parte da poco ! Considerato che si lavora sempre con 6/12 mesi di anticipo bisogna imparare a organizzare bene i tempi di ricerca e contrattazione delle band/location ecc.

Buttare sempre un occhio anche a quello che fanno gli altri locali nel periodo individuato come adatto onde mantenere i buoni rappoorti di “vicinato” ed evitare inutili guerre tra operatori del settore e’ sempre buona norma, uniti possiamo farcela, divisi non ha davvero piu’ senso !

C) Riesci facilmente a trovare degli sponsor o il grosso dell’esborso avviene a carico tuo e dei tuoi soci?

Fino a poco tempo fa ho fatto tutto da solo – organizzativamente parlando – ma per la parte economica senza l’appoggio dei locali che hanno creduto nel progetto non ce l’avrei mai fatta, spesso ci ho investito/rimesso del mio ma l’ho sempre fatto con piacere.

Per fortuna adesso abbiamo anche due sponsor   (N.D.A. fondamentalmente il  Fest si svolge sempre in due locali ben distinti, in Estate presso il The Stony Pub di Firenze e in Inverno all’Exenzia di Prato, entrambi i gestori mi hanno sempre e sottolineo sempre dato carta bianca sotto ogni aspetto organizzativo, creativo e musicale e questo – credetemi – non è da poco considerato il classico rischio di impresa e i tempi che corrono... vorrei anzi approfittare dello spazio che mi avete concesso per ringraziare Dante e Dadex, avete davvero fegato, complimenti !)

C) Puoi presentare brevemente le band che saranno presenti quest’anno al festival? Cosa si potrà trovare nell’area attorno al palco (mercatini, mangiare, bere, etc)?

Certo ! Come accenavo sopra gli headliner saranno i NOW OR NEVER, una band franco-danese formata da ex-mebri di Pretty Maids, Nightmare e Sultan come immaginerete hanno si un sound massiccio e classico ma anche smaccatamente “moderno” come hanno dimostrato nei due album finora pubblicati...sono davvero curioso di vederli dal vivo !

La seconda sorpresa sara’ rappesentata dal debutto dal vivo dei Damn Freaks, il nuovo side-project di Jack Meille dei TYGERS OF PAN TANG... avremo poi noi Junkie Dildoz, i Runover che in Toscana sono una garanzia di devastazione... e ancora gli Evendim che fanno un delizioso folk-metal che include strumenti della tradizione italiana, apriranno due Hard Rock band di giovanissimi, gli aretini Tequila For Breakfast e i fiorentini The Stins!

Nell’area intorno al palco ospiteremo oltre che lo stand gastronomico del locale anche vari stand “commerciali”: si va dai cd e vinili grazie a Yellow Record Firenze e Massimo Cava (long live to coloro che ancora vendono i dischi fisici hahahaha) agli effetti per chitarra grazie a Dolphin’s Sound a quelli di Radio Partners come Orme Radio e Metal Maximum Radio !

C) Visto che suonerai sul palco con i tuoi Junkie Dildoz come farai a rivestire il doppio ruolo di organizzatore e cantante?

Diciamo che solo l’adrenalina riesce a farmi stare in piedi hahahahahahahaha, per tutto l’arco della giornata la gente si ritrova intorno il Tommy promoter teso e preoccupato dal fatto che tutte le bands e staff stiano bene, che arrivi gente... poi all’improvviso, circa 1 ora prima dello show, devo correre a cambiarmi e a dipingermi il war-paint addosso, quei sessanta minuti mi servono anche a decomprimere la tensione della giornata e concentrarmi sul live !

C) Chi vuole rimanere aggiornato sulle novità del festival dove può seguirle?

Tutti gli aggiornamenti legati alle attività del Fest possono essere trovate nella nostra pagina www.facebook.com/junkiedildoz ma appena avremo abbastanza soldi finalmente apriremo anche un sito web come si deve ! :-p

C) Grazie per la pazienza e buona organizzazione.

Grazie mille a te Corrado per la pazienza e professionalita’ !

Intervista con Ricky Marx dei Now Or Never

Lunedì, 14 Agosto 2017 17:54 Pubblicato in Interviste

Prima della calata in Italia dei Now Or Never per il Fuck You We Rock Festival tredicesima edizione previsto per il 26 agosto ho avuto l’opportunità di intervistare via mail Ricky Marx, ex Pretty Maids e chitarrista del combo che, gentilmente, ha risposto ad alcune delle mie domande. Ecco il resoconto della nostra chiacchierata “virtuale”.

C) Ciao Ricky, benvenuto sulle pagine di www.allaroundmetal.com e grazie per avere accettato di rispondere ad alcune domande per fare conoscere meglio a me e ai lettori i Now Or Never.

Ciao Corrado, Grazie per l’occasione che mi offri. :)

C) Sei stato nei Pretty Maids dal 1989 al 1991, cosa ricordi di quel periodo?

A dire il vero con i Pretty Maids ho cominciato a fine 1988, ho finito il tour mondiale, e cominciato a lavorare a “Jump The Gun”. E’ stato un buon periodo. Il music business non era lo stesso di oggi e i Pretty Maids stavano diventando pian piano sempre più grandi. Avevamo l’opportunità di suonare in posti e festival dove non era possibile andare prima… ricordi molto belli insomma.

C) chi ha avuto l’idea di mettere insieme i Now Or Never? E’ stato difficile trovare i membri giusti per completare la line up?

Quando sono tornato a Ginevra mi sono incontrato con il mio miglior amico, Ranzo: abbiamo cominciato a scrivere e suonare assieme e così è nato il tutto. E’ stato logico chiamare Jo Amore a cantare con noi visto che con Joe ci conosciamo da anni così come è stato normale chiamare Kenn Jackson visto che lui e io avevamo suonato assieme nei Pretty Maids.

C) Puoi presentare gli attuali componenti del gruppo?

Alla voce c’è Jo Amore: ha suonato per 30 anni circa con la metal band francese Nightmare ed è chiamato anche il Ronnie James Dio francese. ;)

Alla batteria abbiamo Ranzo: Noi due assieme abbiamo creato la band Sultans e ha suonato in diversi progetti internazionali.

Al basso c’è Abel Cabrita che ha cominciato con noi quest’anno dopo avere rimpiazzato Kenn. E’ giovane e ha energia e talento.

Poi ci sono io alla chitarra. ;)

C) I membri dei Now Or Never vengono da Danimarca e Francia: quanto è difficile produrre, comporre, o fare le prove assieme vista la distanza che vi separa?

No, non particolarmente. Scrivo il materiale e faccio un demo da solo poi entriamo in studio e lo ri registriamo. E’ più un problema di organizzazione: dobbiamo riuscire a trovare il giusto tempo per provare prima dei concerti.

C) Sino ad ora avete fatto uscire due lavori: come sono stati i responsi di stampa e pubblico nei loro confronti?

Abbiamo avuto un buon responso dai giornali in tutto il mondo. Alcuni di loro ci hanno dato voti come 10/10 così, come puoi immaginare, siamo contenti e orgogliosi.

C) Ci sono delle differenze tra i due C.D.’s?

Il primo era un misto di canzoni nuove, o vecchie con nuovi arrangiamenti. Dovevamo trovare un nostro stile e penso che lo abbiamo trovato con il secondo disco. ;) Ho scritto “II” nello stesso anno e credo che sia più scorrevole.

C) Come mai avete scelto il Nome Now Or Never? Sembra una sorta di ultimatum o di “chiamata” per un’ultima chance.

Hai totalmente ragione J. Voglio dire: quando stavamo cercando un nome per il gruppo, improvvisamente, è stato ovvio scegliere il nome Now or Never! Siamo stati tutti e quattro nell’industria per decenni e stavamo ricominciando l’intero processo discografico da capo così Now or Never ci è parso il nome giusto.

C) Come sei entrato in contatto con l’organizzazione del Fuck You We Rock Festival e cosa ti aspetti da questa data in Italia?

Ho avuto alcuni contatti con Tommaso (Dettori organizzatore del festival n.d.a.) e quando mi ha chiesto se volevamo venire a suonare in Italia la mia risposta è stata sì.

C) Cosa ci puoi dire dello show che porterete in Italia? Ci saranno effetti scenici e/o costumi particolari o sarà “solo”  uno show ad alto tasso di Hard Rock?

Sarà uno show di pura energia e condivisione. Veniamo dall’Heavy Metal e dall’Hard Rock e siamo abituati a dare il massimo on stage. Preparatevi a ricevere “calci nel didietro”.

C) Puoi dire ai lettori quali saranno le vostre prossime mosse, dove si può comprare il vostro merchandise e dove si può contattare il gruppo?

Saremo di nuovo in tour a settembre con Lords Of Black e Voodoo Circle in Germania, Olanda e Belgio. Per avere informazioni, acquistare merchandising, C.D’s o altro i lettori possono dare un occhio al nostro sito www.onlynowornever.com  o alla nostra pagina Facebook @ onlynowornever.

C) Buone prove a te e alla band: aspettiamo i Now Or Never per lo show del 26 agosto.

Grazie Corrado. Ci vediamo presto.

Corrado (www.allaroundmetal.com)

 

 

Sembra impossibile ma la mia astinenza da concerti si è protratta per più di sei mesi. L’ultimo live visto, infatti, era stato quello di Phil Campbell and The Bastard Sons del 21-10-2016. L’occasione per rompere questo digiuno me l’hanno fornita Roberto (basso) e Nayenne (voce) dei Nayan. Il live report che segue è atipico per due motivi. Il primo è che i Nayan, quintetto emiliano/parmense nato nel 2014 ma che solo da poco ha stabilizzato la formazione, hanno all’attivo un demo appena uscito che è in attesa di circolare nei circuiti underground. Il secondo è che, condividendo il palco secondario con altri gruppi del festival di Traversetolo del primo maggio, il set proposto è stato breve e composto da sei pezzi dei quali tre sono state covers. Se pensate che Nayan siano sbucati fuori dal nulla, o quasi, avete ragione. Se altresì pensate e che un concerto di mezz’ora non sia sufficiente per valutare la resa e la validità di una band dimenticate che chi vi scrive ha visto più di 350 concerti: dal festival mastodontico alla birreria più scarsa e non è incline a facili entusiasmi. Ore 12 si parte dai SoundBox studio, “covo” del gruppo e dopo una sosta pranzo, il soundcheck era previsto per 3 ore più tardi, ci si avvia. Una pioggia ora fastidiosa ora insistente fa temere il peggio ma quando arriviamo a Traversetolo, ci accoglie un timido sole. L’orario dell’esibizione è stato spostato e così ci si trastulla tra il palco secondario e quello primario (più grosso e attrezzato). La musica dei Nayan è stata definita da un giornalista del M.E.I. come Alternative/Pop/Punk ma io non sono molto d’accordo: trovo che la componente Pop, se proprio di quella vogliamo parlare, è presente in una certa orecchiabilità dei pezzi, non tutti in verità, e non scade mai nel commerciale più bieco. Il basso di Roberto, poi, vira spesso verso quello dei Cure e Di Siouxie And The Banshees portano il suono, e il ritmo, su coordinate Rock/Dark. Dopo un soundcheck affidato a “Mortal Sin”: il gruppo lo definisce il pezzo più “pesante” del repertorio, almeno sino ad ora, si va in scena.

Si comincia con “In My Fears” e ciò che mi stupisce positivamente è il fatto che la voce femminile di Nayenne ha un timbro più caldo e sicuro di quando la avevo ascoltata nelle prove in studio. Segno che la bionda cantante ha fatto tesoro degli “allenamenti” dal vivo e del training in lingua inglese che sta seguendo. La resa della band è buona anche se le cinque personalità che la compongono sono differenti e questo, a livello scenico, si nota.

Si passa a “I’m Smoking Your Last Cigarette” e oramai, a suoni (ben) fatti e finiti, è chiaro che la “creatura” ha un suo timbro musicale e segue in qualche modo un percorso che sente suo senza allontanarsi troppo dal sentiero segnato. Arriva la cover di “Rebel Yell” e, nonostante qualche momento di “vuoto sonoro”; sapete che sono abituato a versioni più tirate, la resa è l’intesa musicale sono buone. Inoltre il vedere Nayenne carica e “saltellante”, dimostra che si sta “sciogliendo” e questo a livello spettacolo ci vuole. Qualche magagna esce fuori nella cover di “I Believe In You” degli Skunk Anansie. Il pezzo è da provare, riprovare e sistemare prima di essere riproposto. 

Tocca a un altro pezzo originale, “Victims Of The Win” e qui i Nayan confermano la buona impressione fattami nel proporre il proprio materiale. La conclusione del set è affidata a “The Bitter End” dei Placebo è, di nuovo, si notano problemi. A parziale discolpa possiamo dire che, in questo caso, i suoni sul palco non erano ottimali ma, purtroppo, fuori il tutto usciva bene e bilanciato. Nayan hanno un certo grado di originalità rispetto alla musica che circola oggi giorno e questo mi lascia ben sperare per il loro futuro; li seguirò da vicino e vedrò che evoluzione avranno. Lo sapete che musicalmente sono onnivoro e curioso no?!

Setlist:

Mortal Sin (Soundcheck)

In My Fears

 I'm Smoking Your Last Cigarette

Rebel Yell (Billy Idol)

I Believed In You (Skunk Anansie)

 Victims Of The Win

The Bitter End (Placebo)

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

Login

Sign In

User Registration
or Annulla