A+ A A-
 

Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico Hot

Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico

recensioni

gruppo
titolo
Life
etichetta
Frontiers Records
Anno

TRACKLISTING:

Sailors

Crown

No Return

On The Other Side

Downside

To Be Near You

My Love

The Magician

Trust

The March

 

BAND MEMBERS:

 

JOHAN NORRBY – lead vocals / JOHAN CARLGREN – piano/keyboards / STEFAN HELLEBLAD – lead guitar, guitars / LEO OLSSON – guitars / JANNE HENRIKSSON – bass /NICKA HELLENBERG – drums

opinioni autore

 
Jono un emozionante viaggio fatto di hard rock sinfonico, progressivo e melodico 2017-12-12 11:02:10 Federico Orano
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Federico Orano    12 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che sorpresona questo “Life” di Jono, una band che nasce come progetto solista del singer Johan Norrby (da qui il monicker "JoNo"), il quale successivamente si è unito a dei musicisti preparati per formare una vera band, tra cui troviamo (ex) membri di Within Temptation come il chitarrista Stefan Helleblad ed il batterista Nicka Hellenberg.

La musica targata JoNo si può definire come un hard rock molto orchestrale e melodico, sicuramente con una forte componente teatrale che non può che portare a qualche accostamento con i Queen. A rafforzare quanto detto, ci pensa lo stesso Johan che al microfono trasmette forti vibrazioni con la sua voce calda e teatrale. Fa subito colpo l'iniziale “Sailors”, brano di impatto, che mette subito in chiaro di essere di fronte ad un lavoro che ha qualcosa di speciale. La band punta forte su melodie calde ed ottimi arrangiamenti, come nella bellissima “No return” e nella più complessa “Downside”, ottimo mix tra Kansas e Queen. E che dire dell'emozionante “To be near you”, brano che potrebbe essere la colonna sonora perfetta per il giorno di Natale mentre si aprono i regali? Infine “The magician” sembra un omaggio al grande Ronnie James Dio, mentre con “The March” troviamo un pezzo piano-voce davvero emozionante e malinconico.

Insomma “Life” è uno degli highlights di fine anno. Un disco complesso, ma facile da ascoltare, un lavoro emozionante che, come me, farà innamorare anche molti di voi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Con questo EP i Blood of the Wolf confermano le buone impressioni della precedente uscita
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Play That Rock n Roll", tredicesimo album dei Supersuckers
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Disgust un album fin troppo canonico ed alla lunga monotono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruin Lust: barbarico War Metal from New York City
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla