A+ A A-
 

Grandissimo Us Power metal con gli Scars Of Armageddon Grandissimo Us Power metal con gli Scars Of Armageddon Hot

Grandissimo Us Power metal con gli Scars Of Armageddon

recensioni

titolo
Dead End
etichetta
Pure Steel Promotion
Anno

TRACKLISTING

1. Prelude

2. Dead End

3. Lockdown

4. Wasteland

5. Elf Revolution

6. Turns To Gray

7. A Good Day To Die

8. Endless Horizon

9. What Lurks Beneath

10. Scars Of Armageddon

11. Fatal Impact

Total Playing Time: 68:12 min

 

LINE-UP

George Lohan – guitars, harsh vocals

David Kraus – guitars, vocals

Paul Postelnik - bass

Jason Krieger - drums

 

 

opinioni autore

 
Grandissimo Us Power metal con gli Scars Of Armageddon 2018-01-10 11:40:30 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    10 Gennaio, 2018
Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che bel disco questo “Dead end” degli americani Scars Of Armageddon che ci deliziano con un heavy metal/us power tecnico, potente e melodico allo stesso tempo.

L'energia non manca di certo al quartetto di Chicago che, subito dopo una breve intro, parte a razzo con la title track. Subito notiamo la buona ugola del singer David Kraus, che riesce ad andare davvero in alto, ricordando in certi momenti Ralf Scheepers. I brani targati SoA sono complessi, con le chitarre a costruire un muro sonoro difficile da scalpire. Il quartetto americano predilige i ritmi alti, con la batteria a correre veloce e il doppio pedale a manetta. Difficile resistere a pezzi come “Elf revolution” e “A Good Day To Die”, vere tempeste sonore accompagnate da buone melodie. Si rallenta un pochino con l'arpeggio della riuscita “Turns To Gray”, salvo poi tornare a correre con “Scars Of Armageddon”, condotta da un riff aggressivo, e con l'ottima “What Lurks Beneath”.

Unica pecca del disco: la durata; forse quasi 70 minuti sono un po' troppi e ci si poteva limitare leggermente in alcuni brani, ma tant'è, questo disco è una vera bomba sonora, complimenti Scars of Armageddon!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Khemmis si confermano tra i protagonisti del doom contemporaneo.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli svedesi Craft come sempre fedeli alle proprie sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Gaerea confermano in toto quanto di buono sentito nell'EP di un paio d'anni fa
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kalmah: Tutto secondo copione ma a noi va benissimo così
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Exiler" i Construct of Lethe realizzano un lavoro monolitico
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il symphonic/melodic metal inspirato di casa Somerville
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dissonante, straniante ed "esotica" la proposta dei Dischordia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn hanno bisogno di scegliere una strada da percorrere
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rites Of Sedition, mai giudicare un libro dalla copertina..
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un lavoro strumentale fin troppo prolisso per Carmelo Caltagirone
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ep che si concentra soprattutto su alcune cover per Parrys Hyde
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla