A+ A A-
 

L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson dei Wombbath L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson  dei Wombbath Hot

L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson  dei Wombbath

recensioni

titolo
Age of the Idiot
etichetta
Transcending Obscurity Records
Anno

PROVENIENZA: Svezia 

GENERE: Grindcore/Crust/Death Metal 

FFO: Extreme Noise Terror, Napalm Death, Disgust, Disfear 

LINE UP: 
Jonny Pettersson - vocals, all instruments 

GUEST: 
Líam Hughes (Soothsayer) - vocals on track 8 

TRACKLIST: 
1. En Evig Plågan [01:53] 
2. Tidens Tand [01:51] =ASCOLTA= 
3. Veil of Hatred [02:02] 
4. Den Felande Länken [01:23] 
5. Embrace By Nothing [00:59] =ASCOLTA= 
6. Age of the Idiot [02:46] =ASCOLTA= 
7. Disposable Humans [01:52] 
8. Entrenched in Nihilism [04:09] =ASCOLTA= 
9. Mitt Hjärtas Mörker [01:10] 
10. My Sweet Escape [01:08] =ASCOLTA= 
11. Keep Us from the Truth [02:29] =ASCOLTA= 
12. No Road to Redemption [00:47] 
13. March of the Dumb [01:09] 
14. By the Virtue of Hate [02:39] 
15. Liar Oh Father the Liar [00:54] 
16. Snarans Ballad [00:56] 
17. Take It Back [01:52] 
18. Welcome to Oblivion [01:24] 
19. Psykopaten (Asta Kask cover) [02:30] 

Running time: 33:53 

opinioni autore

 
L'assalto nichilista degli Henry Kane di Jonny Pettersson dei Wombbath 2020-05-24 13:29:41 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    24 Mag, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un po' come Rogga Johansson, anche Jonny Pettersson è uno di quei veterani della scena Death Metal svedese che sa come tenersi occupato. Già membro di Wombbath, Nattravnen e Heads for the Dead, sospetto che la band dove l'artista scandinavo trae maggior divertimento sia il suo solo project, Henry Kane, vuoi perché ha egli stesso tutto in mano, vuoi anche per il genere proposto: un Death/Grindcore/Crust all'insegna del 'no compromises". Equamente distribuito (bene o male) tra inglese e svedese, questa seconda fatica degli Henry Kane di mr. Pettersson è esattamente quello che ci si aspetterebbe da un disco del genere, ossia un assalto all'arma bianca dal primo all'ultimo secondo, per un progetto interamente votato al nichilismo sonoro. Tra chitarre taglienti ed una sezione ritmica lancinante, per mezz'ora il Nostro va letteralmente all'assalto dei padiglioni auricolari dell'ascoltatore con una serie di brani feroci ed estremamente rapidi, fatto salvo per "Entrenched in Nihilism" (in cui abbiamo come ospite Líam Hughes dei Soothsayer) che arriva ai quattro minuti di durata.
Non che ci sia poi tanto da aggiungere: possiamo sì trovare passaggi che richiamano al più classico old school Swedish Death (la title-track ad esempio), ma per il resto "Age of the Idiot" è uno di quei lavori che sanno di ottimo intrattenimento grazie all'attitudine ed alla passione del mastermind degli Henry Kane. Sufficienza raggiunta più che agevolmente ed album consigliato ai die hard fans di gente come Extreme Noise Terror, Disfear e Napalm Death.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Soddisfacente il debut album dei prog-deathsters tedeschi Virocracy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Threnos" gli On Thorns I Lay pubblicano il miglior lavoro dal loro ritorno
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo EP (con due inediti e tre cover) per i greci Abyssus
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Putridarium" degli Eternal Rot: un titolo che è tutto un programma
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rites of Daath passano agevolmente l'esame del primo full
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo album per i polacchi Uerberos, sulla scia del classico sound centro-europeo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Virtual Symmetry, un ritorno di classe!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Discreto il debut album dei lussemburghesi Theophagist
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards ed il suo italiano scorretto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Racket: Heavy e pericolosi.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Devil Crusade: un debutto ancora un po' acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Battle Born, un esordio sulla scia di Majesty e Manowar
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla